Scrivanie per camerette [14+]: guida alla scelta

Scrivanie per camerette: quali modelli scegliere? L’interior designer ti consiglia colori, materiali, misure, sedute e accessori da abbinare! la guida completa per l’acquisto perfetto.

Alle elementari comincia ad essere utile una scrivania dove poter fare i compiti. Alle medie aumentano l’impegno e le ore da dedicare allo studio, aumentano i libri, i quaderni ed il materiale che occorre. Non parliamo poi degli anni a seguire. A 14 anni + oltre alla scrivania serve un vero e proprio spazio definito e ben organizzato, dove tenere tutto ciò che serve a portata di mano senza che vi sia la necessità costante per il ragazzo di alzarsi e cercare negli altri punti della stanza. 

Leggi anche: Scrivanie Ikea: modelli, misure, colori e prezzi

INGOMBRI DELLE SCRIVANIE PER CAMERETTE

Le dimensioni minime delle scrivanie per camerette sono queste: 

Il piano di appoggio deve avere altezza pari a 75 cm, la profondità deve essere almeno di 60 cm e la larghezza di 1 m. Dove possibile però è senz’altro meglio eccedere. Una profondità maggiore di 80 cm infatti consentirà di organizzare meglio l’attività permettendo di accostare libri, quaderni e computer senza che si sovrappongano e che si crei disordine. Inoltre aumentando la larghezza la scrivania diventa più capiente e può essere anche condivisa. 

TIPOLOGIE DI SCRIVANIE PER RAGAZZI

Nidi scrivanie Camerette

Scrivania per camerette lineare.

Da affiancare ad un armadio, ad un letto o da accostare ad una parete libera. E completare con ripiani o vani giorno. 

A seconda delle dimensioni può essere anche utilizzata in due. Può essere sufficiente delimitare le postazioni di studio mettendo al centro una cassettiera. 

Scrivania per camerette ad angolo.

La soluzione più pratica per separare le aree, quella dello studio da un lato e quella per il computer dall’altro. Un’ottima idea anche per completare con cura un angolo della cameretta, magari quello vicino alla finestra. 

Scrivania per camerette con libreria. 

La soluzione più completa perché non c’è solo il piano di appoggio ma anche la possibilità di archiviare libri, dizionari, manuali, appunti. Può essere realizzata con mensole fissate a muro sopra lo scrittoio oppure colonne libreria ai lati della scrivania. 

Scrivanie per camerette salvaspazio.

Quando le camerette hanno superfici contenute la soluzione c’è comunque e sono le scrivanie sospese, ribaltabili o scorrevoli, da estrarre al bisogno. 

Scrivanie per camerette nascoste, dietro le ante dell’armadio.

Quale compromesso migliore tra l’ordine che i genitori chiedono ai figli e il disordine che i figli adolescenti proprio non riescono a fare a meno di creare? 

POSIZIONE E LUCE CONSIGLIATE PER LE SCRIVANIE

L’illuminazione naturale.

Il punto di riferimento dovrà essere sempre la finestra. La scrivania non deve mai gira le spalle alla finestra perché si sottrarrebbe luce e si formerebbero ombre e riflessi che darebbero un’enorme fastidio durante lo studio. La soluzione ideale è quella di mettere la scrivania sotto la finestra oppure in posizione ad essa perpendicolare. 

La luce artificiale.

Oltre alla luce principale della stanza è importante aggiungere un’illuminazione definita da scrivania per non affaticare la vista durante lo svolgimento dei compiti o la lettura. Cosa considerare per scegliere una lampada da scrivania? 

Leggi anche: Lampade Ikea, illuminazione decor per la tua casa

La temperatura colore. La luce migliore per le attività di studio è quella con temperatura colore neutra, compresa tra i 3500 e 5550 gradi kelvin perché è adatta a favorire la concentrazione senza affaticare la vista. I gradi Kelvin sono riportati di solito sul retro delle confezioni delle lampadine. 

L’intensità della luce. Se possibile scegliere lampade dotate di dimmer, un dispositivo che consente di variare la quantità di luce necessaria a seconda del momento. 

FLESSIBILITA’

La flessibilità. Valutare di acquistare lampade da poter spostare facilmente senza l’ingombro dei cavi oppure regolabili ed orientabili nella posizione necessaria. Se la scrivania è piccola per gestire al meglio lo spazio a disposizione si potrebbe optare per una lampada da parete da appendere frontalmente oppure lateralmente al piano di lavoro. Sono interessanti anche alcune lampade a clip, cioè con la base sostituita da una pinza o da un morsetto da fissare alla scrivania o alle mensole. 

Tenere inoltre presente che chi è destrorso dovrà posizionare la lampada a sinistra. Mentre per i mancini la collocazione della lampada è preferibile a destra. 

COLORE, FORMA E MATERIALE SCRIVANIE CAMERETTE

Consiglio sempre colori neutri, il legno, il bianco. Anche se si tratta di scrivanie per camerette di bambini che frequentano ancora le elementari e le proposte sul mercato sono super colorate. Le tinte accese stancano nel corso del tempo quindi considero molto meglio utilizzare gli accessori per dare colore e personalizzazione. Sono facilmente sostituibili, anche in termini di spesa, durante la crescita dei ragazzi. Per le forme vale lo stesso discorso. Quelle lineari e semplici sono senza tempo e permettono di aggiungere e togliere complementi prima seguendo le necessità dei bimbi e il gusto dei genitori e poi lasciando ai ragazzi che crescono la possibilità di spaziare con la fantasia e di scegliere secondo le loro stile e le loro preferenze. 

MATERIALI FACILI DA PULIRE

Le scrivanie per le camerette devono essere fatte con materiali facili da pulire e resistenti nel tempo. Laminato, nobilitato, oppure legno laccato, a seconda della spesa che si intente sostenere. Mi piacciono molto anche i pannelli in multistrato bilaminati. Oppure scrivanie interamente in metallo verniciato, struttura e top. 

LA SEDUTA 

Mantenere la posizione corretta stando seduti per varie ore non è cosa semplice quindi scegliere la seduta giusta è importantissimo per aiutare a contrastare i danni che possono essere provocati da una cattiva postura, aumentare il rendimento dello studente, favorirne il benessere di corpo e mente. 

La sedia deve essere ergonomica, assecondare l’esigenza del corpo di muoversi, permettere di cambiare posizione in modo naturale, alla schiena di potersi rilassare ogni tanto. Le posture statiche sono dannose. 

Quindi, schienale regolabile, che fornisca l’idoneo supporto lombare, seduta regolabile in altezza e imbottiture e tessuti che favoriscono la traspirazione. 

Alla base le ruote, piacciono molto ai ragazzi perché permettono uno spostamento agevole. 

E GLI ACCESSORI 

Mettono ordine e permettono di personalizzare. Per questi si al colore e alle forme di design. 

Cestini per la carta, mensole (anche IKEA), portamatite da appoggio o da appendere, contenitori per dispense, bacheche, cassettiere. 

Loredana Gazzola – www.homendco.it 

Subscribe so you don’t miss a post

Sign up with your email address to receive news and updates!

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Film e serie tv thriller da vedere assolutamente
Scrivanie per camerette [14+]: guida alla scelta