Scegliere il climatizzatore giusto ed elegante per ogni tipo di interno

Ultima modifica 25/06/2024

Siamo ufficialmente entrati nella stagione calda dell’anno e, in questo periodo, è fondamentale avere a disposizione un buon climatizzatore che permetta di vivere le giornate in pieno comfort.

Oggi però non è solo importante che tale elettrodomestico sia performante, ma è fondamentale guardare numerose variabili, come l’efficienza energetica, l’estetica e gli optional tecnologici: tutti elementi che concorrono a definire quale sia il migliore. 

Un climatizzatore di design è in grado di trasformare totalmente un ambiente, rendendolo moderno, elegante e piacevole, sotto ogni punto di vista. In questo articolo daremo qualche indicazione in merito, così da aiutare le persone ad orientarsi nella scelta di quello più adatto alle proprie esigenze. 

Valuta prima di tutto esigenze climatiche e spaziali

Quando si sceglie un climatizzatore è fondamentale partire prima di tutto dalla valutazione delle necessità che si hanno, sia in termini di clima che di spazio. La dimensione dell’ambiente a disposizione, ad esempio, è un primo elemento cruciale. 

Se questo è piccolo, come una cameretta ad esempio, potrebbe essere sufficiente un apparecchio di minor potenza ma che occupi poco spazio all’interno della stanza. Al contrario, per spazi più ampi, è rilevante scegliere un modello che sia abbastanza potente.

Non bisogna poi dimenticare di prendere in esame il clima della zona in cui si vive: ci sono regioni, infatti, in cui l’estate è più calda e umida e, in questi casi, è bene scegliere un climatizzatore che sia adeguatamente performante, con opzioni di deumidificazione

Se ci si trova, invece, in regioni più fredde, in cui magari è l’inverno ad essere rigido, un’ottima soluzione è scegliere un apparecchio che abbia anche funzioni di riscaldamento, come una pompa di calore. 

All’interno della propria casa, altri elementi da prendere in esame sono poi l’isolamento termico (che può ridurre il carico di lavoro richiesto dal climatizzatore) e la presenza di eventuali ostacoli alla circolazione dell’aria, mobili o parete divisorie. 

Infine, non è da dimenticare di considerare la presenza di finestre e l’orientamento della stanza: quelle esposte a est o sud-est, infatti, tendono a surriscaldarsi di più e potrebbero richiedere una maggiore potenza di raffreddamento. 

Quali tipi di climatizzatori esistono?

In commercio non si trova un unico tipo di climatizzatore, ma è possibile scegliere tra diversi modelli, solitamente divisi in due macrocategorie: quelli monosplit e i multisplit

La prima tipologia è una soluzione ideale se si desidera raffrescare un singolo ambiente, in quanto si compone di un’unità esterna e una sola interna. A loro volta, possono essere divisi in varie tipologie:

  • Climatizzatori a parete: forse i più conosciuti e facilmente identificabili, questi climatizzatori sono caratterizzati da design e dimensioni che si prestano a tanti tipi di esigenze. 
  • Climatizzatori a pavimento: installati  all’altezza del pavimento, sono in grado di massimizzare la distribuzione dell’aria all’interno della stanza. Sono perfetti dove non è possibile usare quelli a parete, nonostante occupino più spazio calpestabile, ma i modelli più moderni risultano comunque poco invasivi. 
  • Climatizzatori a cassette: montati a soffitto, sono molto compatti e raffinati. Anche in questo caso garantiscono una distribuzione dell’aria uniforme nella stanza e, per la loro estetica e minor invasività, sono indicati in uffici o negozi. 
  • Climatizzatori canalizzati: integrati nel controsoffitto, richiedono un’installazione più complessa rispetto alle altre tipologie. Sono però “invisibili” all’occhio e possono prestarsi ai grandi spazi e chi dà molto valore all’estetica. 

I modelli multisplit, invece, sono formati da una singola unità esterna collegata a più unità interne.Sono quindi ideali per climatizzare più ambienti di diverse grandezze con un’unica soluzione e offrono il vantaggio che ciascuna di queste unità può essere controllata in maniera indipendente. 

Anche l’occhio vuole la sua parte: il valore dell’estetica

Una volta esaminate le esigenze degli ambienti e quali modelli sono a disposizione, è importante dare uno sguardo anche all’estetica dell’impianto di climatizzazione: l’apparecchio, infatti, deve ben integrarsi allo stile del proprio arredamento.

Tra i preferiti, attualmente, ci sono i modelli con un design moderno e minimalista, caratterizzati da linee pulite e materiali di alta qualità. Questi sono in grado, quindi, di armonizzarsi al resto dello spazio, diventando parte integrante dello stile di casa o dell’ufficio. 

Siamo abituati all’idea che il climatizzatore sia bianco, adatto quindi alla colorazione classica della parete, ma in commercio è possibile trovarne di altri colori, come ad esempio il rosso e il nero. 

Per chi non apprezza che il climatizzatore sia a vista, indipendentemente dal suo stile e dal colore, è possibile scegliere modelli a scomparsa, come i canalizzati, che possono essere installati nella parete o sul soffitto. 

Attenzione alla sostenibilità ambientale e all’efficienza energetica

La sostenibilità ambientale è un argomento cruciale che rientra tra le esigenze primarie di tantissime persone: non è solo l’importanza all’ecosostenibilità e il desiderio di ridurre il proprio impatto ecologico, ma avere un impianto efficiente si traduce anche in un minor costo in bolletta

I climatizzatori moderni hanno fatto grossi passi da gigante in merito. Una delle principali soluzioni adottate è l’uso del nuovo refrigerante R32: un gas noto per il suo basso impatto ambientale e l’alta efficienza che porta a usarne meno per avere risultati eccellenti. 

Questo elemento risponde inoltre alle nuove direttive europee sulla riduzione dell’effetto serra, presentando un Global Warming Potential (GWP) inferiore rispetto all’R410A, un gas comunemente usato in passato. 

L’uso dell’R32 comporta inoltre una minor potenza d’uso richiesta dallo strumento e, di conseguenza, un notevole risparmio energetico. Inoltre, i sistemi moderni sono dotati di tecnologie che permettono di massimizzare questo rendimento. 

Sistemi come il 3D i-see Sensor e l’Ampere Limit permettono di fatto di ottimizzare il comfort ambientale riducendo gli sprechi di energia, oltre che l’uso di alcune opzioni come la modalità sonno o la modalità risparmio energetico, che usano minor energia per arrivare comunque a soluzioni di raffrescamento ottimali. 

Soluzioni tecnologiche per un ambiente smart

Per concludere, è fondamentale non dimenticare di dare un occhio di riguardo anche alla tecnologia smart. Viviamo in un mondo altamente digitalizzato, con numerosi comfort in merito, e il sistema di climatizzazione non deve essere da meno. 

L’utilizzo di compressori altamente efficienti, come il motore elettrico DC Inverter, consente ad esempio di controllare e ottimizzare elettronicamente la tensione, la corrente e la frequenza dell’apparecchio, riducendo i consumi energetici e l’usura del compressore.

Ciò non solo garantisce un funzionamento più silenzioso, ma permette di regolare la temperatura e l’umidità in modo preciso e personalizzato. Inoltre, i modelli più moderni offrono funzioni avanzate come il Timer ON/OFF e il Weekly Timer che consentono di programmare l’accensione e lo spegnimento dell’apparecchio in base alle proprie esigenze.

Infine, i climatizzatori di ultima generazione hanno possibilità di connettersi al wi-fi e usare servizi in cloud per il controllo da remoto, così da permettere alle persone di gestire il climatizzatore da qualsiasi luogo tramite PC, tablet o smartphone.

La Redazione

signature

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Come facilitare i movimenti in casa agli anziani
Scegliere il climatizzatore giusto ed elegante per ogni tipo di interno

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.