Sanitari bagno: sospesi o a terra? Ecco come scegliere

Quando si tratta di dover scegliere i sanitari, fino a qualche tempo fa, non gli si dava molta importanza rispetto ad altre decisioni riguardanti la rifinitura della propria casa, mentre oggi è completamente cambiata l’idea dello spazio al bagno.


I sanitari sono diventati veri e propri oggetti di design: wc e bidet devono essere “belli” e alla moda, solitamente della stessa linea viene realizzato anche il lavabo, la cui scelta non è strettamente vincolata a quella dei sanitari.

Il mercato offre un’ampia scelta che incontra il gusto personale e ben si sposa con le case più moderne: sanitari sospesi (wc e bidet) o a pavimento, realizzati con la tradizionale ceramica bianca da abbinare a mobili in stile moderno per il bagno oppure colorati con toni pastello, molto popolare oggi. Possono avere linee squadrate e geometriche oppure linee morbide e arrotondate.

Ma tra sospesi e a pavimento, cosa scegliere? Non esiste in realtà migliore e peggiore per queste tipologie di sanitari, la scelta dell’una o dell’altra dipende da alcuni criteri personali e quindi soprattutto dal gusto di ognuno in fatto di arredamento.

Si può certamente affermare che i recenti sanitari, sospesi o a pavimento, abbiano creato un enorme distacco, in termini di valore estetico, dai sanitari tradizionali che hanno tubi e curve a vista.
Una coppia di sanitari tradizionali non solo è ingombrante, in quanto è separata dal muro di almeno 20 cm, ma risulta anche difficile da pulire a causa della polvere che si accumula tra i tubi a vista

Tornando alla domanda, prima di tutto bisogna capire se si tratta di una sostituzione o di una ristrutturazione o di nuova costruzione. A partire da quest’ultimo caso non ci sono “limiti” perché fino alla realizzazione degli impianti è sempre possibile apportare modifiche.

Invece se si deve fare una sostituzione, occorre controllare la posizione degli scarichi già esistenti, perché la differenza tra uno sospeso e uno a pavimento per quanto riguarda i sanitari, sta proprio negli scarichi, che sono a parete per i sospesi e a terra per gli altri.

Se decidi per la sostituzione ma non vuoi intervenire sugli impianti, la possibilità è una sorta di adattamento, ovvero sanitari a pavimento e filo muro che hanno lo scarico un po’ spostato, in modo da riempire la fessura, di 15/20 cm, dalla parete dei sanitari tradizionali articoli.
D’altra parte i sanitari saranno piuttosto ingombranti.

Per gli interventi di sostituzione dei sanitari in ceramica a scarico ridotto, il “bonus acqua” nell’ultima Legge di Bilancio, diventa utile anche per la sostituzione di rubinetteria e sanitari, soffioni doccia e colonne doccia esistenti con nuovi apparecchi limitatori di portata.

In caso di ristrutturazione i sanitari non possono essere posizionati molto lontani dalla colonna di scarico, anche se su questo aspetto ci sono alcune eccezioni.

Inoltre, per i sanitari sospesi, sarà necessario verificarne lo spessore della parete a cui verranno messi. Con uno spessore di circa 12 cm al grezzo che diventa di circa 15 cm con gli intonaci. Nel caso non fosse possibile ottenere questi spessori si potrebbe optare per una contro-parete tecnica, all’interno della quale verranno alloggiate scatole di scarico, tubi e staffe. Per i sanitari invece a pavimento, in caso di ristrutturazione non ci sono vincoli di installazione.

Se si va ad intervenire proprio sugli impianti c’è libertà di scegliere il sanitario preferito, non ci sono limiti sugli accorgimenti necessari che devono essere semplicemente eseguiti secondo la scheda tecnica del modello scelto. È sicuramente però una strada più costosa.

Verificata la fattibilità dell’intervento, ciò che incide sulla scelta tra sanitari sospesi o a terra sono solo gli aspetti legati al gusto e allo stile personale. 

Entrambe le tipologie, sospese o a terra, sono meno ingombranti dei sanitari tradizionali, ma quelle sospese appaiono ancora più sottili, ideali soprattutto per bagni di piccole dimensioni o addirittura ciechi; non appoggiati a terra appaiono “più leggeri” creando la sensazione di uno spazio più ampio e profondo.

Fino a qualche anno fa, quando scoppiò la moda dei sanitari sospesi, erano sicuramente più accattivanti dal punto di vista del design, ma ora i modelli sono realizzati sia nella versione sospesa che in quella da terra, ma con una differenza di costo.


I sanitari a pavimento trasmettono maggiore sicurezza? Si ma quelli sospesi sono verificati per sostenere pesi fino a 400 kg.

Leggi anche: come arredare un bagno piccolo, le migliori idee

La redazione

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Iscriviti per ricevere i nostri aggiornamenti!

Previous
Pareti verdi: le migliori idee, abbinamenti (e foto)
Sanitari bagno: sospesi o a terra? Ecco come scegliere

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.