Quali sono le più belle piante grasse?

Posted on

Ultima modifica 13/03/2024

Scenografiche, d’appeal, sempre alla moda e a bassa manutenzione. Le piante grasse danno sempre un tocco di stile alla propria casa. Ma quali sono le più belle piante grasse, cioè considerate convenzionalmente le top?

Che belle le piante grasse! Sono dei supereroi sempre trendy nel mondo vegetale, resistono a tutto e sono anche molto chic per rivoluzionare i propri spazi con un verde che è elegante ma non richiede un’estrema manutenzione. Quali sono le piante grasse più belle? La varietà di forme, colori, dimensioni è molto articolata; alcune spiccano più di altre per un fascino particolare, in grado di trasformare banali noaks in cartoline verdi. Perfette per l’indoor e anche per l’outdoor, coerenti con tanti diversi stili di arredamento, dal classico al contemporaneo, sono diverse l’una dall’altra, cosa che permette di variare anche all’interno di uno stesso ambiente o di matcharle con stili differenti. Anche Elle Decor ha dedicato un approfondimento alle più belle piante grasse da interni.

Un giro nel regno delle piante grasse è fondamentale per conoscerne dettagli e caratteristiche, per scoprire quelle varietà che più si adattano alle proprie esigenze e preferenze estetiche, e quelle più adatte agli interni come la zona living, lo studio, il balcone o per gli esterni e giardino. Ci sono piante grasse spettacolari, in grado di donare all’ambiente una vivacità verde e un flair particolare. Inoltre hanno la particolare propensione a riempire di bellezza e vita gli angoli vuoti e poco illuminati, dando un tocco di originalità.

Scopri le più belle piante grasse con fiorellini

piante grasse più belle
Le piante grasse come decori per l’indoor o l’outdoor (Foto: Pixabay)

Le piante grasse più belle per eccellenza

Ci sono alcune tra le piante grasse che sono considerate più belle delle altre, per i loro colori, per le forme, per l’appeal di spettacolarità e la capacità di trasformare con stile ed estro un ambiente. Ecco quali sono:

1 – Aeonium Arboreum

Sembra una rosa, ma è tutta verde. Si sviluppa in verticale, prende diversi colori su una palette che va dal verde bosco al verde scurissimo, quasi nero, ed è in grado di aggiungere tocchi “drammatici” all’ambiente circostante. È chiamata anche “Albero di Aeonium” o “Albero di Giada nero”, si può tenere sia in casa che fuori. Vive bene al sole e non ama il freddo intenso.

Aeonium Arboreum - le più belle piante grasse
Aeonium Arboreum (Foto: Pixabay)

2 – Sedum Morganianum

Viene chiamata anche “Coda di Asino” o “Coda di Burro”. Ha una struttura total green a cascata molto scenografica, non a caso è considerata tra le più belle piante grasse. Le foglie sono carnose, di un verde brillante, e sembrano piccole perle. Si sviluppano su steli lunghi anche oltre un metro e l’effetto della cascata è particolarmente d’impatto visivo. Questa pianta ha bisogno di molta luce, non tollera il freddo e ama il caldo.

Screenshot 2024 03 12 alle 13.38.27
Sedum Morganianum (Foto: Freepik)

3 – Adenium Obesum

Originaria dell’Africa e dell’Arabia, questa pianta spettacolare ha dei bellissimi fiori rosa che le hanno dato il nome di “rosa del deserto”. Questa ha pianta è dotata di estrema resistenza, grazie al suo fusto ingrossato che fa da “riserva d’acqua”. I suoi fiori, che ricordano l’ibisco, arrivano soprattutto in primavera ed estate. La manutenzione è facile: ha bisogno di luce diretta, un terreno drenante e un’innaffiatura moderata.

le più belle piante grasse
Adenium Obesum (Foto: Pexels)

4 – Crassoula Ovata

Chiamata anche “Albero di Giada”, è una pianta originaria del Sud Africa. Ha piccole foglioline brillanti e carnose di colore verde con i bordi rossi. Disposte intorno allo stelo prendono la forma di una rosa. Sono bellissime già così, ma con i fiori hanno un tocco ancora più eleganti: questi, bianchi o rosa chiaro, appaiono eventualmente all’inizio della primavera. Questa pianta, considerata anche un portafortuna, ha bisogno di molta luce, che sia all’esterno o all’interno (ad esempio, è utile posizionarla accanto a una finestra), e di temperature calde.

Screenshot 2024 03 12 alle 13.39.56
Crassoula Ovata (Foto: Pixabay)

5 – Haworthia

Piccola succulenta, deve il nome al botanico Adrian Hardy Haworth. È originaria del Sudafrica e ha un aspetto a tante punte verde intenso che ricorda l’aloe vera. Queste piante sono molto comode da tenere in casa, perché sono di ridotte dimensioni, occupano poco spazio, si possono mettere in vaso e non richiedono tanta luce.

le più belle piante grasse
Haworthia (Foto: Pixabay)

6 – Lithops

Detta anche “Pianta Sasso vivente”, ha una struttura estetica affascinante che assomiglia a quella delle pietre e delle rocce, che sono anche il loro habitat naturale. Queste piante sono originarie dell’Africa meridionale; quello che ricorda una pietra sono due foglie carnose fuse insieme con il fiore che spunta dal centro, da una sorta di fessura. Le foglie hanno venature multicolor: grigie, rosa, blu, che ricordano un po’ le trame del marmo. Queste piante sono l’ideale per arredare, per il loro impatto e perché necessitano di una bassa manutenzione. Stanno bene anche in vaso.

le piante grasse più belle
Lithops (Foto: Pixabay)

7 – Opuntia Microdasys

È una pianta grassa classicissima, quella che ci immaginiamo quando appunto pensiamo al mondo delle piante grasse. È detta anche “Orecchie di Coniglio” per la sua forma. È originaria del Messico e più in generale dell’America Centrale. Le sue cladodi sono maxi (raggiungono i 15-20 cm di lunghezza) e di colore verde acceso, e ricoperte da spine. Possono eventualmente produrre i fiori, di colore giallo, a cui fanno seguito i frutti, che invece sono rossi.

le più belle piante grasse
Opuntia Microdasys (Foto: Pexels)

Le più belle piante grasse da esterni

Ecco alcune tra le piante grasse più belle da mettere in esterni:

  1. Agave: dall’architettura imponente, svetta con le sue foglie appuntite e può diventare la protagonista dello spazio outdoor;
  2. Aloe vera: classica pianta succulenta da esterno, nota per le sue foglie carnose e molto “gellose”, molto amata e utilizzata per le sue virtù;
  3. Echeveria: un insieme di rosette precise e simmetriche, molto resistenti e posizionabili in ambienti e climi diversi;
  4. Yucca: molto scenografiche, con foglie rigide che realizzano architetture complesse con i lunghi steli;
  5. Sempervivum: una fila di rosette molto ordinate e precise, che danno un bell’impatto estetico e resistono bene sia al freddo che al caldo, anche a temperature molto basse o alte;
  6. Fico d’india (Opuntia): classica pianta grassa da esterno, che vive bene nei climi caldi e può essere un bell’ornamento alla parte outdoor di una casa aperta e soleggiata;
  7. Cactus: come il fico d’India, classica pianta da esterno che predilige i climi torridi e secchi;
  8. Mammillaria zeilmanniana: una variazione rispetto al cactus, molto fiorita e colorata e dalla bassa manutenzione. È originaria del Messico.

Conclusioni

Una pianta grassa è sempre una scelta azzeccata per dare vitalità e colore alla propria casa: si adatta bene in tanti tipi di ambienti, dall’appartamento al giardino, non necessita di una grande manutenzione – al massimo alcune tra queste piante richiedono luce diretta – e fa sempre una bella figura.

È bello saperle conoscere e distinguerle, anche con i loro nomi latini, per scegliere quella più adatta al proprio stile, ai colori preferiti, alle forme che piacciono di più – a rosa, tondeggiante, aguzza o slanciata… – ma anche al clima e alle abitudini della vita quotidiana.

Alice Grisa

signature

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Il Fascino delle Tonalità di Blu nell’interior, la guida completa!
Quali sono le più belle piante grasse?

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.