Piatto doccia in resina epossidica: vantaggi, prezzi e caratteristiche

Posted on

Il piatto doccia in resina è una scelta sempre più diffusa anche da noi in Italia, ma quali sono le principali caratteristiche e i vantaggi più rilevanti di questa soluzione? Interessante sarebbe poi, se ci sono, conoscerne anche eventuali difetti o criticità.

Iniziamo dallo spendere due parole sul materiale, ovvero la resina epossidica: si tratta di una resina sintetica che risulta estremamente versatile e per questo trova innumerevoli utilizzi, in edilizia e non solo. Questa resina è formata da due componenti, uno dei quali funge da indurente. Inizialmente la resina è liquida e quindi facilmente modellabile, ma dopo l’avvio della reazione chimica diventa solida nel giro di poche ore.

Esistono diverse resine che vengono colate e trovano varie differenti applicazioni. Ci sono resine ad indurimento lento o più rapido, con una particolare resistenza al calore e con varie altre proprietà (sia estetiche che meccaniche). In base ai prodotti utilizzati le resine epossidiche, che si possono usare in casa ad esempio per un pavimento o per il rivestimento di pareti ed altri elementi, avranno diversi tempi di polimerizzazione, diverse caratteristiche e una diversa durezza, un diverso grado di adesione agli altri materiali, una diversa viscosità, resistenza ai graffi, ecc.

Un tempo le resine si usavano, ad esempio in zone di produzione, fabbriche, magazzini o al massimo garage. Oggi sempre più spesso vengono scelte anche per la casa, ad esempio per rinnovare un pavimento, senza necessariamente dover smantellare quello preesistente, con un notevole risparmio di tempo e soldi. La resina può infatti essere colata su delle piastrelle o altri pavimenti e livellata perfettamente.

Altri possibili utilizzi della resina epossidica sono la creazione di tappeti in pietra da interno o esterno, la creazione di piani di lavoro per la cucina o di interi mobili, come ad esempio dei tavolini in resina o dei ripiani. In cucina la resina, costa molto meno del marmo, ma permette di avere superfici di lavoro con caratteristiche simili e senza limiti di forma o dimensione.

In resina epossidica si possono poi creare gioielli, oggetti d’arredo, opere d’arte e artigianato, dando libero sfogo alla propria creatività grazie alla grande versatilità del materiale e alla possibilità di combinarlo con altre materie, come legno, metallo, materiali plastici, ecc.

Per altre informazioni su resina epossidica e altre resine sintetiche consiglio di visitare il sito: resin-expert.com, dove si possono trovare tutte le informazioni, le ispirazioni e le istruzioni necessarie per approcciare al meglio al mondo della resina.

Piatto doccia in resina: vantaggi e svantaggi

Sempre più spesso in casa c’è chi sceglie un pavimento in resina, la scelta può essere guidata da diverse ragioni, tra i punti di forza di questi pavimenti c’è il fatto che sono continui e impermeabili, caratteristica che come ovvio fa apprezzare la resina anche in bagno e in particolare per il piatto doccia.

La resina epossidica è liscia, resistente, durevole e (come detto) del tutto impermeabile, perfetta per un piatto doccia moderno e molto pratico. Un piatto doccia in questo materiale inoltre può essere perfettamente a filo con il resto del pavimento del bagno, creando un effetto molto ricercato, moderno ed elegante.

Tra gli altri vantaggi della resina c’è poi il fatto che è facilmente riparabile. Questo materiale dura a lungo, ma di sicuro non in eterno, nel caso di graffi o danni più gravi, lo si può riparare con un’ottima resa estetica.

Infine, altro vantaggio non trascurabile è che la resina trattine il calore, quindi se amate fare delle lunghe docce calde, questa soluzione sarà perfetta, in particolare in inverno.

Veniamo ora agli aspetti negativi o comunque potenzialmente critici. Il più rilevante, o forse l’unico, è che alcune colorazioni di resina, nel corso del tempo e con un uso frequente del piatto doccia, potrebbero variare leggermente, ingiallire o sbiadire.

Lo shock termico o azioni meccaniche potrebbero poi creare dei danni al materiale, ma come detto lo si potrà riparare se necessario. Ad ogni modo basteranno una minima manutenzione e un po’ attenzione nella cura del piatto doccia, per assicurargli lunga vita.

Senza dubbio la resina epossidica apre ad un mondo di possibilità per la decorazione di casa e per la creazione di elementi che siano al contempo belli e funzionali. Il materiale viene sempre più usato in praticamente ogni tipo di abitazione (dal gusto classico, così come più contemporaneo), in particolare in contesti, come quello di cucina e bagno, dove i punti di forza della resina possono veramente fare la differenza.

Le quotazioni del piatto doccia in resina epossidica crescono anno dopo anno e sempre più persone lo scelgono restando molto soddisfatte. L’unico accorgimento è quello di scegliere materiali di elevata qualità e di affidare sempre i lavori a degli esperti qualificati. In questo modo ci si potrà aspettare unicamente il meglio e si eviteranno del tutto spiacevoli sorprese.

Subscribe so you don’t miss a post

Sign up with your email address to receive news and updates!

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Pavimento in resina epossidica: caratteristiche, utilizzi e abbinamenti di stile
Piatto doccia in resina epossidica: vantaggi, prezzi e caratteristiche