Piante da appartamento: quali scegliere?

Quali sono le piante da appartamento migliori, quali piante da appartamento scegliere, dove metterle in casa e di cosa hanno bisogno. Ecco cosa vedremo in questo articolo.

L’uomo nasce nel verde e la memoria inconsapevole del cosiddetto paradiso perduto ci conduce ad un desiderio di circondarci di natura. Non tutti hanno la fortuna di possedere un giardino o un terrazzo dove dare libero sfogo a questo desiderio, ma si può rimediare portando la natura direttamente dentro casa, abbellendo un davanzale, un piccolo balcone o un angolo della nostra casa.

Per fare ciò, però, è necessario avere qualche minima conoscenza delle piante, per averne la giusta cura.

Leggi anche: piante da appartamento, 8 idee utili

piante in casa

Benefici delle piante in casa

Le piante da appartamento in casa portano molti benefici.

Innanzitutto, possiamo far riferimento al colore, come primo vantaggio, in quanto il verde, che occupa la parte centrale del cerchio cromatico, è il colore dell’equilibrio e della rigenerazione e, dunque, avere un tocco verde all’interno di un ambiente mette sicuramente di buon umore.
Se poi questo verde è accompagnato dalla vivacità e dalla bellezza dei fiori, tanto meglio.

Ma c’è un vantaggio ancora più importante che è quello della purificazione dell’aria assicurata dalle piante.

L’inquinamento indoor è un grave problema delle nostre case e le piante ci aiutano sicuramente a combatterlo.

piante da appartamento

Piante da appartamento che purificano l’aria

Tutte le piante più o meno contribuiscono a purificare l’aria, ma ce ne sono alcune particolarmente indicate a svolgere questo compito.

Tra le piante da appartamento che possiamo trovare:

  • La Lady Palm, che assorbe i temuti VOC (Composti Organici Volatili)
  • La Dracaena, contro benzene, formaldeide, loxilene e toluene e, attraverso gli stomi, assorbe anche il tricloroetilene emesso da computer, stampanti e fotocopiatrici
  • Le piante del genere Ficus
  • La Felce, che assorbe formaldeide, xilene e toluene
  • Lo Spatafillo, alleato contro il benzene, la formaldeide ed altri VOC, ma indicato anche contro l’inquinamento elettromagnetico e le sostanze che spesso si concentrano negli uffici
  • Il Pothos, contro la formaldeide
  • Il Filodendro, sempre contro la formaldeide
  • La Gerbera, pianta da fiore, per combattere la trielina.

Gli spazi della casa e le piante

Se partiamo dalle considerazioni fin qui fatte, possiamo dire a ragione che ogni spazio della casa ha la sua pianta.

Facciamo, quindi, un piccolo viaggio attraverso la nostra casa e vediamo quali piante da appartamento incontriamo lungo questo percorso.

Piante per l’ingresso di casa

Cominciamo dall’ingresso, spesso stretto e poco luminoso. Potremmo anticiparlo, se ci è consentito, posizionando qualche pianta poco esigente sul pianerottolo, come ad esempio una felce o un falangio.

piante per ingresso

Una volta entrati in casa poi, se l’ingresso è dotato di finestra possiamo prendere varie piante, come detto in precedenza, ma se c’è poca luce le possibilità si riducono.
In questo caso potremmo optare per una Sanseveria, che si adatta a varie situazioni, ma se preferiamo una pianta con fiori che abbelliscano decisamente questo ambiente possiamo propendere per una Aspidistra o Calathea Crocata con fiori gialli.

Piante per il soggiorno: un angolo verde

Passiamo al soggiorno, che di regola è tra gli ambienti più luminosi della casa. Qui le possibilità sono varie.

Si può considerare un solo esemplare o un insieme di piante.  L’importante è che ci sia armonia tra la parte verde e il resto degli arredi, con piante che non siano molto ingombranti, anche in previsione della loro crescita, al punto da costringerci a spostare i mobili.

piante in soggiorno

Se vogliamo ornare un angolo possiamo pensare ad una pianta dallo sviluppo prevalentemente verticale, come una Kentia o una Dracaena, detta comunemente tronchetto della felicità.
Se siamo, invece, davanti ad una finestra, è meglio optare per una pianta che si sviluppa in orizzontale, come ad esempio una Dieffenbachia.

Quali piante mettere in camera?

In camera da letto si dice comunemente che le piante da appartamento non vanno messe, perché consumano ossigeno e producono anidride carbonica, ma è stato dimostrato che le quantità di ossigeno e CO2 sono talmente ridotte che non costituiscono un problema per la salute.
Al contrario, come si è visto, ci aiutano a combattere l’inquinamento dell’aria.
Sicuramente è meglio evitare piante molto profumate in questo ambiente e fare attenzione alla dimensione della pianta, perché non sia troppo ingombrante ed opprimente.

Basterà una piccola pianta sempreverde o una semplice orchidea a dare il tocco riequilibrante e rilassante che il luogo del sonno richiede.

Piante per il bagno: quelle adatte all’umidità

Nel bagno possiamo sbizzarrirci. Grazie all’umidità che c’è in questo ambiente, infatti, in esso si viene a creare una sorta di serra che è favorevole allo sviluppo di molte piante: Felci, Capelvenere, Pothos o anche Orchidee.

Piante in cucina o sul davanzale

Infine, siamo arrivati in cucina. Qui forse lo spazio per una pianta può essere più difficile da trovare, ma quando non ne abbiamo a terra potremmo sfruttare un davanzale, preferendo piante aromatiche che sono anche utili per la funzione specifica che qui viene svolta.

Leggi anche l’articolo sulle novità delle cucine IKEA !

Dove è meglio disporre le piante in casa

Per avere un buon effetto estetico in perfetta armonia con l’arredamento che c’è nella nostra casa è necessario scegliere bene anche i contenitori in cui posizionare le piante.

In ambienti più rustici possiamo optare per vasi di terracotta o fatti di materiali naturali, mentre per spazi più contemporanei sceglieremo contenitori portavasi di metallo o anche legno di colore chiaro, se non proprio bianchi, dalle linee molto essenziali. Molto spesso per case dallo stile industriale si scelgono anche portavasi in acciaio corten.

piante da interno

Vasi, sottovasi e contenitori per piante aromatiche

All’interno di ogni contenitore può esserci un solo vaso o un insieme di vasi, quindi la scelta sarà fatta anche in base allo spazio a disposizione. Nel caso di una combinazione di piante si può optare per cassette più o meno grandi.

piante grasse da appartamento

Per le piante aromatiche si può pensare di riutilizzare delle cassette della frutta da posizionare sui davanzali per accogliere varie piantine.

Alcune piante si possono mettere in modo scenografico all’interno di un vasetto o una vecchia bottiglia.

Si può completare una finestra senza tende con una pianta appesa al soffitto.

piante appese al soffitto

Infine, per spostare piante molto grandi è meglio pensare a vasi con rotelle, in modo che non diventino un ostacolo.

Piante sempreverdi e piante da fiore

Veniamo ora alla tipologia di pianta, se sempreverde o se con fiori.

Parlando dell’utilizzo nell’arredamento di interni le sempreverdi sono adatte a ogni situazione e ad ogni ambiente, con le dovute attenzioni di cui abbiamo ampiamente parlato nei paragrafi precedenti.

gerbera piante da interno

Palette di colori delle piante e emozioni dei colori

Le piante con fiori vanno attentamente selezionate in base alla palette di colori che si è scelta per ciascun ambiente della propria casa. Basta affidarsi al proprio gusto personale, perché molto dipende anche dalle emozioni che determinati colori ci suscitano.

In alternativa, ci si può affidare al consiglio esperto di un professionista, che saprà sicuramente abbinare la giusta pianta ad ogni situazione.

Luce ed esposizione per le piante in casa

Quando si scelgono le piante da mettere in una casa, ciò non deve avvenire in modo del tutto casuale, in quanto bisogna fare attenzione alla quantità di luce presente nella stanza e anche alla migliore posizione all’interno di questa, soprattutto rispetto alle finestre.

Ci sono piante idonee ad ambienti con poca luce, quelle che necessitano di molta luce, diretta, indiretta, quelle adatte all’esposizione a nord. Insomma, il panorama è vasto e, dunque, è bene farsi consigliare da un bravo vivaista, perché il nostro acquisto vada a buon fine.

Piante grasse per scarsa luminosità

In linea generale, comunque, possiamo dire che le piante grasse necessitano di molta luce, così come tutte le piante, o quasi, quando sono in fase di crescita e le piante a foglie variegate.

In condizioni, dunque di scarsa luce, potremmo optare per:

  • Pothos
  • Aspidistra elatior, la cosiddetta pianta di piombo
  • Monstera deliciosa, detta anche filodendro

Esposizione a sud o nord?

Per finestre esposte a nord, dove la luce è comunque scarsa, si potrebbe optare per le Felci o la Kentia, ad esempio.

Se invece abbiamo un’esposizione a sud, bisogna evitare le piante che temono la luce diretta, e orientarsi verso ad esempio una Begonia, o un Hybiscus.

piante appartamento ikea

Esposizione est o ovest?

Tra le piante che invece stanno bene alla luce proveniente da est e da ovest, quindi non molto forte perché concentrata in alcune ore della giornata ci sono:

  • L’Orchidea farfalla
  • Cycas revoluta
  • Ficus Benjamin
  • Philodendrum

A parte, quindi, la scelta iniziale del tipo di pianta in base alla luce dell’ambiente, bisogna poi osservare almeno per una settimana la pianta, dopo averla posizionata.
Da questa osservazione, infatti, si potrà capire se l’ubicazione che abbiamo scelto è giusta oppure va cambiata.

Come verificare che la pianta stia bene

Cosa va osservato:

  • L’aspetto generale della pianta
  • La luminosità delle sue foglie
  • La sua vivacità.

Se una pianta da appartamento sta bene nella sua posizione, infatti, crescerà bene e rigogliosa anche se non vi dedicheremo molte cure.

Infine, oltre alla luce, un altro parametro da tenere sotto controllo sono anche le correnti d’aria, che rischiano di danneggiare la pianta, incidendo negativamente sul suo equilibrio.

Caterina Scamardella – architetto e interior designer

https://www.instagram.com/caterinascamardella_arch/

https://www.facebook.com/csarchitetto/

Subscribe so you don’t miss a post

Sign up with your email address to receive news and updates!

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
SOLBLEKT la collezione IKEA per il giardino che porta l’estate
Piante da appartamento: quali scegliere?