Un viaggio tra arte e fotografia: il progetto di Pass Par Food

Ci sono opere così belle e intense che sembrano vere. Ci vien voglia di toccarle, scoprirle e, nel caso di Pass Par Food, assaporarle! Stiamo parlando di un progetto creativo e originale dove i veri protagonisti di questi splendidi quadri sono gli ingredienti dei piatti più famosi della cucina italiana.

L’arte è qualcosa di astratto che diventa reale nel momento in cui riusciamo a tirar fuori ciò che vediamo e sentiamo dentro di noi. Che siano parole, immagini o suoni non è importante. Ciò che si prova quando si riesce a crear dal nulla quello che ronzava nel cuore e nella mente è qualcosa di sorprendente, ed è bello condividerlo con chi crede nella forza vitale ed esploratrice dell’arte. In fondo chi di noi non è alla costante ricerca d’ispirazione? 

E l’ispirazione non avvisa mai, arriva e ci coglie di sorpresa. A volte arriva mentre stiamo sfogliando una rivista, ci colpisce con un’immagine, o l’uso di un colore vibrante. Spesso capita mentre siamo immersi in uno dei nostri libri preferiti, o magari guardando un film.

Ed è proprio durante una delle nostre ricerche che ci siamo imbattuti nel progetto di Pass Par Food, un modo diverso di fare fotografia dove i protagonisti delle opere sono gli ingredienti dei piatti più gustosi e famosi del nostro Bel paese.

La realtà non è mai come la si vede: la verità è soprattutto immaginazione.

Magritte

Osservando questi quadri, mi è subito venuto in mente un dipinto che ho amato sin dalla prima volta che la mia professoressa d’arte me ne ha parlato. Si tratta di “La Trahison des images”di René Magritte.

Ti chiederai cosa c’è di così irresistibile in questo dipinto, che di per sè sembra davvero semplice. Ad affascinarmi è il messaggio che rappresenta, il pensiero stesso di Magritte.

Se guardi il dipinto, è disegnata una pipa, e sotto c’è una scritta che dice “questa non è una pipa”. In che senso? Nel senso che non è una “vera” pipa, ma solo una “rappresentazione di essa”. Realtà e rappresentazione viaggiano in due mondi paralleli. E Magritte, in quanto artista surrealista giocava con il potere delle immagini e con l’inganno che si cela dietro una rappresentazione più o meno veritiera.

E la fotografia, se fatta a regola d’arte può davvero catturare emozioni, attimi e sensazioni. Sapori.

In questo caso, con il progetto Pass Par Food la fotografia è così d’impatto, che ci fa pensare ad un viaggio nell’alta cucina, nei sapori e nelle essenze degli ingredienti primari. Ma andiamo per gradi.

Pass Par Food: alla ricerca dell’ingrediente perfetto

Pass Par Food
L’”Amatriciana” come non l’avete mai vista

Immaginate un enorme libro di cucina dove ogni singolo ingrediente è rappresentato con una foto in cui regna protagonista. Invece di sfogliare le ricette più amate di alcuni dei più gustosi piatti italiani, Pass Par Food ha deciso di mostrare, uno per uno, tutti gli ingredienti che danno vita ai nostri primi piatti preferiti attraverso fotografie in scala 1:1. 

E così un primo regionale come l’Amatriciana, viene scomposto in tutti i suoi ingredienti, i quali diventano le vere star di una composizione culinaria fuori dal comune. Ma non solo l’Amatriciana, le ricette sono davvero tante, c’è solo l’imbarazzo della scelta, come se fossimo davanti a un menù!

Come vengono realizzati i quadri

Quello che ci ha incuriosito di questo progetto, oltre al focus sugli ingredienti, è il punto di vista di chi ha scattato le fotografie, oltre alla scelta del formato.

Quante volte scorrendo sui nostri profili social veniamo letteralmente bombardati da immagini e video di pietanze perfettamente impiattate o di piatti di cui non conoscevamo minimamente l’esistenza? Questo ritorno alle origini, ma soprattutto l’enfasi sui prodotti primari, ossia quelli che sono la base della portata principale, ci ha fatto pensare all’importanza delle cose essenziali e semplici, perché senza di esse non possiamo costruire nulla. 

E infatti il cibo viene rappresentato da Pass par Food in primo piano, avvicinandolo all’occhio dello spettatore e rendendolo quasi reale, così vicino che vien voglia di toccarlo, di assaporarlo. Sembra quasi di sentirne il profumo. La materia prima sembra essere in bilico perché è posizionata a metà sul passe-partout (il margine che visibile tra quadro e cornice). Anche la stessa cornice è un piccolo gioiello d’artigianato. Pensate che ognuna viene realizzata ad hoc da un falegname locale. 

La cornice presenta un vetro nella parte anteriore e uno nella parte posteriore, ed è quindi possibile vedere anche il retro della foto in cui si trovano tutte le info sugli ingredienti utilizzati per i piatti, la ricetta completa, e inoltre le attrezzature e specifiche tecniche dello scatto.

retro cornice Pass Par Food

Pass par Food e le mostre “I mille di Sgarbi”

Non siamo stati certo gli unici a notare le fotografie di Pass Par Food. Anche lo stesso Vittorio Sgarbi ha inserito i quadri nelle sue mostre “I mille di Sgarbi”. Il celebre critico d’arte ha curato questo progetto per dar voce agli artisti soprattutto in un momento così delicato come quello della pandemia. Un evento che ormai da un anno ha rallentato tanti settori, e il mondo dell’arte è uno di quelli che ne sta pagando sempre di più le conseguenze. 

Lo scorso anno, infatti, “I mille di Sgarbi” ha portato alcune delle opere scelte personalmente proprio da Sgarbi, prima sul web, per presentarle a tutti visto che i musei erano chiusi. Successivamente nei luoghi fisici dell’arte per essere ammirate dal vivo. Le fotografie di Pass Par Food hanno partecipato a tutte le tappe previste e non passando certamente inosservate, anzi. Hanno suscitato l’interesse sia dei visitatori che della critica.

Vittorio Sgarbi durante la mostra “I mille di Sgarbi”

Opere d’arte da avere in casa

Fotografie che sono vere e proprie opere d’arte, ma possiamo sfoggiarle anche noi nella nostra casa? Se vi siete innamorati anche voi di questi quadri così carismatici, potete acquistarli sul sito web di Pass Par Food. Ovviamente non sono semplici stampe, ma si tratta di serie limitate e numerate.

Parliamo di 25 per ogni ricetta, e la singola riproduzione ha un numero progressivo per offrire un prodotto bello e di qualità che manterrà il suo valore. Se siete alla ricerca degli ingredienti magici per dar colore alla vostra casa, date uno sguardo a tutti i deliziosi piatti firmati Pass Par Food!

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Iscriviti per ricevere i nostri aggiornamenti!

Previous
Arredare in stile esotico chic: le migliori ispirazioni
Un viaggio tra arte e fotografia: il progetto di Pass Par Food