L’evoluzione delle tende da sole, oggi sempre più di design

Posted on

Con l’arrivo dell’estate la voglia di vivere negli spazi outdoor della casa viene naturale, specialmente per chi ha la fortuna di avere un balcone, un terrazzo o un giardino. Non importa che sia di piccole o grandi dimensioni, rappresenta uno spazio che risulta sempre piacevole da fruire, per l’arredamento del quale risultano disponibili molteplici soluzioni. 

Una delle più diffuse e amate è quella delle tende da sole, un elemento di arredamento che permette di assicurare la protezione ottimale dai raggi del sole e dagli altri agenti atmosferici nelle diverse stagioni, a cominciare proprio dall’estate, in cui le temperature possono non risultare facili da tollerare. 

Le tende da sole vengono realizzate secondo soluzioni colorate e di design, rappresentando un vero e proprio elemento glamour nell’arredamento degli ambienti esterni. Non a caso si trovano installate presso diverse attività commerciali, che ne fanno uno dei tratti distintivi della propria immagine, grazie alla visibilità, oltre all’indubbia utilità, che presentano alcuni modelli in particolare.

In questo articolo vi raccontiamo qualcosa di più sulle tende da sole e sull’evoluzione che hanno registrato fin dalle origini. Scoprirete che si tratta molto più di un semplice oggetto per arredare lo spazio esterno, ma qualcosa in grado di esprimere la personalità di chi vive la struttura abitativa.

L’origine delle tende da sole

L’origine delle tende da sole pare risalire a oltre 2000 anni fa, quando, stando alle testimonianze storiche, sono state utilizzate presso gli Egizi, i Siriani e i Romani. 

Uno dei sistemi più famosi del Mondo Antico era il Velarium ed era adoperato anche per il Colosseo. Si tratta di una copertura mobile, conseguita attraverso la sovrapposizione di più teli in canapa, il cui uso tipico era quello di assicurare agli spettatori dei teatri e degli anfiteatri romani l’adeguata protezione durante il maltempo e nelle giornate più calde.

L’applicazione delle tende da sole sembra essere collegata all’introduzione dei tessuti in grado di riparare l’uomo dal sole e dagli altri agenti atmosferici. Non è un caso se un materiale semplice da ottenere, resistente, spesso e filtrante come la canapa sia stato utilizzato dai Romani. Quello che fa veramente riflettere è l’applicazione dell’uomo nel trovare soluzioni in grado di assicurare fin dalla notte dei tempi tutti i piacevoli benefici dell’ombra. È questo che ha portato all’ideazione delle tende da sole, alle successive evoluzioni.

Le tende da sole e la loro evoluzione con l’industrializzazione

È nel corso degli ultimi cento anni che le tende da sole hanno conosciuto un’evoluzione decisiva e importante, risultando interessate, insieme ai sistemi che ne stanno alla base, da diversi cambiamenti.

In seguito alle varie fasi delle rivoluzioni industriali sono stati gradualmente abbandonati i telai in ghisa e in legno, a favore di materiali più resistenti e allo stesso tempo semplici da lavorare. Sono, infatti, stati sostituiti da tubi in ferro a cui sono stati affiancati i meccanismi a corda, funzionali a garantire l’azione di sollevamento e abbassamento delle tende da sole.

Prima dell’introduzione di questa invenzione le tende venivano arrotolate a mano, un’operazione che necessitava di non poca fatica, ma anche tempo. Il posizionamento era realizzato all’altezza della testa, così da evitare di intralciare il passaggio delle persone.

Cambiamenti importanti, certo, ma che non hanno potuto riguardare forse l’elemento che si è rivelato più importante, per non dire decisivo, dal punto di vista della tecnologia, ovvero la qualità dei tessuti. Questi sono risultati, fino all’introduzione nell’epoca contemporanea dei materiali plastici, particolarmente deperibili, anche nel momento in cui le tende non venivano adoperate. Un fenomeno che comportava conseguenze quali l’accumulo dell’acqua, portando i tessuti a rovinarsi con maggiore facilità, durando meno nel tempo. Qualcosa che è stato evitato e migliorato con le evoluzioni della tecnologia.

Gli elementi tipici delle tende da sole moderne

La storia dell’uomo è fatta di inciampi e cambiamenti, semplicemente non si ferma. Un discorso ben percepibile all’interno dei diversi elementi di design, indoor come outdoor, persino, per fare un esempio, nell’arredamento di un soggiorno moderno in un materiale pregiato e utilizzato da secoli come il legno, meglio noto attualmente come parquet.

La tenda da sole non ha smesso di cambiare insieme agli uomini e all’introduzione delle nuove tecnologie, complici soprattutto i materiali, che hanno saputo innovarsi e rinnovarsi. I tendaggi outdoor contemporanei vedono l’impiego di materiali che partono dall’introduzione della plastica, con tele che sono, nella proposizione tipica delle aziende, sintetiche in acrilico e in vinile laminato.

Un’innovazione che ha portato non solo a potersi riparare in maniera quantomai efficace dalla luce del sole e dal vento, ma anche da agenti atmosferici di non facile gestione come la pioggia. Tende da esterno che risultano impermeabili e allo stesso tempo, secondo la declinazione attuale dei moderni sistemi, sempre più traspiranti e persino belle.

Il design contemporaneo delle tende da sole

I materiali impermeabili delle tende da sole contemporanee si trovano abbinati a una materia prima quale l’alluminio, nella funzione di sostegno, che è andato a sostituire l’acciaio e il legno.

L’alluminio si è affermato nel mondo dell’edilizia contemporanea in virtù del fatto che risulta semplice da reperire, è economico, si lavora con facilità, è resistente e, non meno importante, risulta estremamente leggero. Rappresenta una soluzione quanto mai efficace nella ricerca di elementi di arredo outdoor che risultino semplici da fruire e gradevoli dal punto di vista estetico.

Le tende da sole riescono ad essere belle e funzionali, semplici da installare in qualsiasi struttura e in grado di durare nel tempo. Accanto alle tipologie da utilizzare manualmente, si rivelano particolarmente interessanti quelle motorizzate, nate dall’applicazione dei sistemi di motorizzazione alle tende stesse. Entrambe le dotazioni, così come vengono oggi realizzate, risultano più leggere da adoperare e semplici, persino adattabili, con la presenza di sensori automatici, al contesto quando non ci si trova a essere in casa.

Conclusione

La storia delle tende da sole ci racconta di come queste siano importanti per la vita quotidiana, risultando piacevoli da fruire e allo stesso tempo capaci di rispondere a molteplici esigenze, non solo semplicemente a quella di avere delle zone d’ombra all’esterno dell’immobile.

Le moderne tende da sole, in quanto oggetti di design, permettono di assolvere al meglio tutti i compiti ad esse richiesti. Valorizzando lo spazio e rendendolo più bello da vivere tutti i giorni dell’anno.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Cucina rustica Mondo Convenienza: le migliori idee
L’evoluzione delle tende da sole, oggi sempre più di design

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.