I-Design Palermo: tra itinerari storici e contemporanei

Ultima modifica 29/10/2019


Dove: Palermo

Quando: 25 Ottobre 2019 – 3 Novembre 2019

Cosa: design week

I-Design è un progetto culturale (ed economico) che ha come sfondo la città di Palermo. Si snoda tra cultura e design e ha l’obbiettivo di portare ad una profonda riconversione urbana, una trasformazione di spazi, ma anche della società, una occasione di sviluppo culturale ed economico per tutta la comunità.

I-Design, giunta quest’anno alla sua ottava edizione, richiama ovviamente il nome di popolari dispositivi come l’iPhone o l’Pad, ma anche la forma verbale inglese, io progetto, facendo un chiaro riferimento alla centralità del progettista, capace con il proprio gusto, la propria sensibilità e creatività di avere un concreto impatto sull’aspetto della città e sulla qualità di vita di chi la vive.

L’iniziativa, che si configura come una design week mira a valorizzare in primis il design industriale palermitano, italiano ed internazionale, vuole creare nuova occupazione, investire nella formazione dei più giovani e spingerli a fare impresa. Questa settimana palermitana dedicata al design, che in questa edizione si concluderà il 3 novembre, punta poi molto sulla relazione tra situazione locale e globalizzazione, avviando su questi temi un’interessante riflessione.

Il design è un elemento che può contribuire più di altri alla definizione di un immaginario collettivo, anche in un territorio, come quello di Palermo, dove forti contrasti e situazioni di disagio sono all’ordine del giorno. Può quindi diventare strumento di riqualificazione, non solo urbana, ma sociale.

Tra gli eventi di questa edizione di I-Design si segnala la mostra “Oggetti sensibili” che espone al pubblico i progetti degli studenti dei corsi di Design ed Ecodesign dell’Accademia di Belle Arti di Palermo. Gli stessi studenti daranno vita a delle performance durante le quali indosseranno i prototipi da loro ideati. Oggetti che si interfacciano in modo diretto con le mutevoli necessità umane e dialogano in modo fluido con il corpo di chi li indossa e utilizza.

Lorenzo Renzulli

signature

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.