Dove acquistare le opere di Banksy e quanto costano

Dove acquistare le opere di Banksy? Banksy è uno degli artisti contemporanei più noti a livello globale e il risultato che ha raggiunto è ancor più significativo se si pensa che non si sa bene chi effettivamente sia. Scopriamo insieme dove comprarle e quanto costano.

Banksy è infatti uno pseudonimo o se si preferisce un nome d’arte, dietro il quale si nasconde uno street artist, o secondo alcune teorie un collettivo di artisti di strada.

Quel che si sa per certo è che questo artista è di Bristol, nel Regno Unito, e che ad oggi è giustamente considerato globalmente come uno dei maggiori esponenti della street art.

La sua figura, o se si preferisce il suo personaggio, è particolarmente interessante anche perché avvolto da quel velo di mistero che certo non guasta. Non dimentichiamo che dipingere sui muri delle città, salvo rari casi, è illegale, quindi molti artisti di strada non rivelano volentieri la loro vera identità.

Banksy però non è come gli altri, è riuscito, complice la sua straordinaria capacità di comunicare, non solo con le sue opere, ma anche ad esempio con i social media, a farsi notare in modo diverso, nuovo, molto più ampio, potente e globale.

Il successo commerciale di Banksy

Banksy ha portato la sua arte, oltre che sui muri delle più importanti città del mondo, anche nelle gallerie d’arte, nelle case d’asta, su gadget e merchandise.

Molti artisti di strada duri e puri lo criticano per questo, ma a lui si deve gran parte della visibilità di cui oggi la street art gode e sempre a lui si deve il fatto che con una certa frequenza media, come giorni e tv, parlino di arte contemporanea. Se non fosse per alcune geniali e stravaganti trovare di questo creativo eccentrico e mai banale, si arte in tv, specie di quella contemporanea si parlerebbe poco o nulla, forse giusto in occasione dell’inaugurazione di qualche mostra.

I video, le aste, i post di Banksy fanno invece sempre notizia e si ritagliano spazi, bene o male utili ad avvicinare varie generazioni al mondo dell’arte.

Ormai tutte le opere di Banksy sono note, oltre che per i loro messaggi, sempre molto forti e critici, anche per le quotazioni decisamente considerevoli che hanno raggiunto. Anche qui naturalmente il marketing c’ha messo il suo zampino. Ma quanto valgono le opere di questo artista, quali sono le più preziose e dove e come si possono acquistare dei Banksy?

Dove acquistare le opere di Banksy
Di Faced Tenner, 2004

Le opere più costose di Banksy

Dove acquistare le opere di Banksy? Ci sono artisti che vendono le proprie opere per poche centinaia di euro, altri più quotati per qualche migliaio, ci sono poi una manciata di artisti contemporanei che possono aspirare a quotazioni maggiori, anche di parecchio, ma pochissimi a livello globale arrivano ai prezzi di Banksy.

Le incredibili quotazioni raggiunte da molte delle più note opere dell’artista si possono, almeno in parte, spiegare riflettendo un po’ su alcune aspetti di rilievo.

Le immagini di Banksy spesso sono tecnicamente piuttosto semplici, ma anche per questo iconiche, facili da identificare e riconoscere, subito riconducibili a lui.

Hanno poi messaggi molto forti e spesso sono critiche feroci della società, della politica e dell’umanità in genere. Si parla di temi come la guerra, la tutela dell’ambiente, il lavoro minorile e altri che sono davvero difficili da ignorare.

C’è poi da evidenziare la grande (e non comune) capacità di Banksy di promuovere la sua arte e, in fine, c’è quella che forse è una delle variabili più importanti, ovvero il fatto che in molti casi le opere dell’artista siano state vendute all’asta, sistema di vendita che come è facile intuire, essendoci grande interesse attorno a queste creazioni, favorisce il lievitare rapido dei prezzi, un’offerta dopo l’altra.

Ma di che cifre stiamo parlando? Siamo sull’ordine di diversi milioni di dollari, insomma non propriamente per tutti i budget, anche per questo spesso i compratori restano anonimi, tanto quanto, anzi più, dell’autore.

Piccola classifica in ordine di prezzo di alcuni dei Banksy più costosi di sempre:

  • Game Changer (2020);
  • Love is in the Air (2005);
  • Devolved Parliament (2009);
  • Show me the Monet (2015);

Game Changer è stato venduto all’asta da Christie’s di Londra nel marzo del 2020, raggiungendo la cifra record di ben 23.2 milioni di dollari.

Love is in the Air (opera del 2005) è stata venduta per $12.9 milioni. Devolved Parliament (2009) ha raggiunto il prezzo di $12.2 milioni e Show me the Monet (del 2015) è passato di mano per ben $9.9 milioni. Quali sono i soggetti, o meglio ancora i messaggi dietro a queste opere?

Game Changer

Dove acquistare le opere di Banksy
Game Changer

Il Game Changer di Banksy è un’opera realizzata dallo street artista per ringraziare gli operatori sanitari britannici in occasione della lotta contro la pandemia di Covid-19 del 2020. Nell’immagine si vede un bimbo che abbandona i classici giocattoli ispirati ai tradizionali super eroi per valorizzare invece la bambola di un’infermiera. Va detto che i 23.2 milioni di dollari raggiunti all’asta da quest’opera, battuta da Christie’s, sono andati per volere dell’artista in beneficenza, il che ha indubbiamente contribuito ai rilanci e quindi al raggiungimento del prezzo finale, davvero da record.

Love is in the Air

Dove acquistare le opere di Banksy
Love is in the Air

L’opera di Bansky, Love is in the Air (o Flower Thrower, lanciatore di fiori), dal forte messaggio pacifista, era valutata inizialmente fra i 3 e i 5 milioni di dollari, è stata battuta all’asta da Sotheby’s di New York a quasi 13 milioni di dollari, per la prima volta in quell’asta è stato possibile rilanciare anche con criptovalute.

Devolved Parliament

Dove acquistare le opere di Banksy
Devolved Parliament

L’opera Devolved Parliament è un’immagine diversa da quelle alle quali c’ha abituato Bansky, sembra un quadro d’altri tempi. Vi è raffigurato il parlamento inglese, pieno di scimpanzé intenti a votare la Brexit. Il dipinto è stato venduto all’Asta da Shoteby’s per 12.2 milioni di dollari.

Show me the Monet

Banksy
Show me the Monet

Il quadro Show me the Monet (Mostrami il Monet), è un dipinto olio su tela del 2005 di Banksy. Fa parte di una serie chiamata Crude Oil e ispirata a grandi opere e maestri del passato.

Nel 1899 il pittore Claude Monet, uno dei massimi esponenti dell’impressionismo, dipinse “Lo stagno delle ninfee, armonia verde”. Il soggetto era ispirato al giardino in stile Giapponese che Monet aveva creato presso Giverny.

Banksy ispirandosi all’opera di Monet, realizza una feroce parodia, condannando consumismo e inquinamento. Il dipinto venne venduto dalla casa d’aste Sotheby’s nell’ottobre 2020 per 7,5 milioni di sterline.

Dove acquistare le opere di Banksy

T-Shirt Banksy

Come abbiamo ben capito le opere di Banksy non sono per tutti. Dove acquistare le opere di Banksy? Non si può entrare in un negozio e nemmeno in una importante galleria d’arte e uscirsene con un Banksy sotto braccio.

Di tanto in tanto alcune opere vengono battute all’asta, ma sono pochi i milionari che possono permettersi di fare delle offerte.

Per chi apprezza le opere e in particolare i forti messaggi di questo artista, ci sono però diverse possibilità per appendersi in casa un Banksy. Non parliamo ovviamente di opere originali, ma di stampe, riproduzioni, più o meno accurate ed eventualmente rielaborate.

Alcuni artisti di strada vendono piccole riproduzioni delle più note opere dell’artista a prezzi molto accessibili. C’è poi la possibilità su Amazon o altri noti e-commerce di acquistare puzzle, magliette, tazze e naturalmente stampe di ogni forma e dimensione, con o senza cornice, delle più popolari immagini ideate da questo genio, dell’arte e del marketing.

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

No Comments Yet.

Previous
Back to school con Stikets.it; la mia esperienza
Dove acquistare le opere di Banksy e quanto costano

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.