Come diventare un interior designer

Istituto Polo Michelangelo, l’unica università del design a 360°

Quando si vuole diventare un vero professionista nel settore del design, la consocenza sembra non bastare mai. Bisogna avere tantissime conoscenze e competenze, oltre che un’apertura a 360° sul mondo dell’home decor e della progettazione di interni. Come fare a sviluppare l’istruzione necessaria per diventare un punto di riferimento in quest’ambito?

Cosa fa un interior designer?

Esistono innumerevoli corsi online riconosciuti che preparano a sviluppare le principali competenze e attività di un Interior Designer; quali l’utilizzo dei colori in ambienti interni, la disposizione dei mobili, tecniche e strumenti per il rilievo e disegno geometrico... eppure diventare un professionista del design di interni è tutt’un’altra cosa!

Interior designer: materie, competenze e abilità

Un professionista specializzato nell’interior design deve essere capace di destreggiarsi fra le più disparate esigenze dei clienti. Questo significa riuscire ad organizzare e arredare gli spazi nel modo più funzionale, creare ambienti accattivanti e scenografici e nello stesso tempo dare la possibilità al cliente di avere più opzioni di spesa per il restyling.

Quindi, per diventare un interior designer preparato credo sia fondamentale essere in grado di:

  • capire dove inserire nuovi complementi d’arredo
  • scegliere la giusta tipologia di illuminazione e i punti strategici dove inserirla
  • decidere stile e dimensioni dell’arredo (spesso anche su misura)
  • decorare pareti e mobili
  • valutare il rivestimento più adatto per le superfici da valorizzare (carta da parati, pittura o pistrelle)
  • inserire nell’ arredamento pezzi dal design esclusivo
  • mixare nuance e colori che abbiano coerenza fra loro (sia per l’arredo che per il tessile)
  • proporre il progetto attraverso un rendering in 3d oppure un disegno tecnico personalizzato in grado di dare un’idea più vicina alla realtà possibile al cliente
  • essere sempre e costantemente aggiornati dulle novità e tendenze d’arredo
  • offrire al cliente più complementi, oggetti, arredi ed interventi in base alla spesa da affrontare

Può voler dire anche capire se è il caso di rinnovare il look dell’ambiente andando ad intervenire attraverso opere murarie, oppure se basta qualche tocco di styling per dare nuova vita all’ambiente. Trasformare e stravolgere l’aspetto di una o più camere, oppure andare a ricavare più spazio laddove lo si necessiti (questo vuol dir riuscire a progettare un arredo completamente su misura adeguato e comodo alle esigenze del proprietario). A questo si aggiunge la creatività e la voglia di sperimentare nuove dimensioni e sfide.

E’ possibile diventare un interior designer senza laurea?

La domanda è lecita… ufficialmente la risposta è si. Tecnicamente invece la risposta non è così semplice. Infatti, per riuscire a svillupare tutte le competenze di cui abbiamo appena parlato, è importante studiare a livello approfondito nozioni trasversali che permettono di avere una conoscenza completa e tale da permettere di metabolizzare il tutto per creare e proporre soluzioni utili ai propri clienti e che facciano la differenza.

Come scegliere il percorso studi per diventare interior designer?

Ecco quindi, che nasce l’esigenza di un corso che vada a sviscerare tutte le principali abilità e nozioni di un interior design. Ed è proprio questo l’obiettivo dell’ unica università di design italiana a 360°: l’Istituto Universitario Polo Michelangelo. Quest’Istituto, a livello nazionale e internazionale noto come l’unico che ha un percorso che racchiude tutta la formazione del design globale, rilascia l’unica Laurea in Design a 360° riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

Galleria fotografica presa dal disegno assistito al computer dell’Istituto Polo Michelangelo

Riporto qui il PIANO DI STUDI PREVISTO PER LA PRIMA ANNUALITA’

  • Interior design – Product design a 360°Nuova Metodologia della Progettazione
  • Product Design
  • Metaprogetto: Tecniche di Rappresentazione dello Spazio
  • Tecnologia dei materiali
  • Disegno per la Progettazione
  • Design Grafico
  • Storia dell’arte moderna e contemporanea
  • Lab di Eccellenza Eco-Sostenibile
  • Strategia della comunicazione
  • Disegno CAD attraverso il linguaggio architettonico 2D
  • Inglese basic con madre-lingua
  • Editing – Art Director attraverso la rivista PMagazine

Il Nuovo corso triennale di Design”a 360°, unico a livello nazionale per metodologia progettuale, che fonda le sue radici sul “Pensiero Laterale”, come punto di partenza per una visione globale che il designer deve possedere per potersi definire come tale e poter operare a 360°, è scaturito da anni di ricerca della sua fondatrice Designer Dott.ssa Maria Alessandra Faccenda.

Studenti all’azione nell’officina della creatività dell’Istituto Polo Michelangelo

Ho così intervistato la direttrice dell’Istituto per andare a capire perchè scegliere questo percorso formativo professionale e quali competenze lo studente andrà a sviluppare e con che approccio si potrà affacciare al mondo del lavoro.

Intervista alla dott.ssa Maria Alessandra Faccenda, direttrice dell’Istituto Universitario Polo Michelangelo

Istituto Polo Michelangelo, l’ unica università in Italia riconosciuta come interior design. Quali sono le principali differenze del vostro istituto ( o meglio università) in confronto agli altri? La ns. Università è l’unica in Italia riconosciuta come Laurea in Design a 360°, non Interior, non è settoriale

Quali sono le capacità e competenze che sviluppa un ragazzo che si laurea nel vs istituto universitario e quali opportunità di lavoro gli si aprono? Diventa un Designer in tutti i settori di appartenenza

Quante richieste avete avuto per questo anno accademico e quante ne avete accettate? Da tutto il mondo

Quali sono le novità del “corso triennale a 360 gradi”?  E’ unico in Italia e in Europa a 360° e si fonda sul saper vedere per saper fare. Metodo del New Basic Design in Pro-gress che ha visto 10 anni di ricerca.

In cosa consiste il test selettivo per la domanda di ammissione? E’ motivazionale

Quali sono le caratteristiche indispensabili per diventare un professionista nel settore del design? Talento, profondità intellettiva, grande capacità cognitiva e professionale, oltre una determinazione senza pari

È soddisfatta dei suoi studenti? Ha qualche bel progetto da mostrarci particolare? Dire soddisfatta è poco, non abbiamo disoccuparti sin dall’anno di Tesi

Come il vostro percorso studi prepara a livello pratico gli studenti? Tutte le competenze culturali vengono sviluppate all’interno dell’Officina oltre i cantieri e LAB di eccellenza

Ultimo consiglio della direttrice Maria Alessandra Faccenda:

Il mio consiglio è quello di leggere l’articolo della Palmieri intitolato: La fucina delle idee http://www.pmagazine.it/la-fucina-delle-idee/ e La mia vita nel design http://www.pmagazine.it/la-mia-vita-nel-design/

Subscribe so you don’t miss a post

Sign up with your email address to receive news and updates!

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Combinazione colori in casa: la mini guida

Combinazione colori in casa: la mini guida

Posted on
Progettare un piccolo ufficio in casa: le soluzioni perfette per ogni stanza

Progettare un piccolo ufficio in casa: le soluzioni perfette per ogni stanza

Posted on
Ristrutturazione villa a schiera anni 90′

Ristrutturazione villa a schiera anni 90′

Posted on
Previous
Carta da parati profumata e decor: le novità 2019
Come diventare un interior designer