Storia del Bauhaus: scopri le caratteristiche, esponenti e opere famose

Ultima modifica 09/07/2024

Hai mai sentito parlare di un movimento artistico che ha cambiato il modo di vedere l’arte, il design e l’architettura? Bene, il Bauhaus è tutto questo e molto di più. Fondato nel 1919 a Weimar, in Germania, da Walter Gropius, il Bauhaus è stato un crogiolo di idee innovative che hanno gettato le basi per l’arte moderna.

Quando nasce il Bauhaus?

Dopo la Prima Guerra Mondiale, l’Europa era in fermento. La Germania, in particolare, stava attraversando una fase di ricostruzione e di ricerca di una nuova identità culturale. La guerra aveva lasciato profonde cicatrici nella società, e c’era un bisogno urgente di rinnovamento e cambiamento. Le vecchie strutture sociali e culturali erano state scosse, e nuove idee stavano emergendo in risposta a questo tumulto. Fu in questo clima di incertezza e speranza che nacque il Bauhaus.

ll Bauhaus nasce durante il periodo del Modernismo. Questo movimento culturale e artistico si sviluppò principalmente all’inizio del XX secolo e fu caratterizzato da un desiderio di rompere con le tradizioni del passato e di sperimentare nuove forme di espressione e di costruzione.

Leggi qui cos’era il design modernista.

Il Bauhaus si inserisce in un periodo storico caratterizzato da un fervore per l’innovazione nel design e nelle arti. Movimenti come il De Stijl nei Paesi Bassi, che promuoveva un’arte astratta e geometrica, e il Futurismo in Italia, con la sua celebrazione della modernità e della tecnologia, influenzarono profondamente la nascita del Bauhaus. Inoltre, l’industria stava rapidamente evolvendo, e c’era una crescente consapevolezza del potenziale del design per migliorare la vita quotidiana.

“L’obiettivo finale di tutta l’arte visiva è la costruzione! Un giorno le arti decorative dovranno fondersi con l’architettura”

Walter Gropius

Perché si Chiama Bauhaus?

Il nome “Bauhaus” ha un’origine tanto affascinante quanto il movimento stesso. Derivato dal tedesco, può essere tradotto letteralmente come “Casa del Costruire” (“Bau” significa costruire e “Haus” significa casa). Questo nome fu scelto da Walter Gropius per riflettere la sua visione di unire tutte le arti sotto il concetto di costruzione. Curiosamente, il nome richiama anche il termine medievale “Bauhütte”, che indicava le corporazioni dei muratori e dei carpentieri che lavoravano insieme nelle costruzioni delle cattedrali gotiche. Gropius scelse questo nome per simboleggiare un ritorno alle radici collaborative dell’arte e dell’artigianato, dove tutti lavoravano insieme per un obiettivo comune.

“L’architettura comprende tutte le arti in uno stato completo e ideale, tutte le opere di artigianato compiute in una grande opera.” – Walter Gropius

Gli Ambiti di Diffusione del Bauhaus

Il Bauhaus non era solo una scuola, ma un movimento che ha toccato vari ambiti della cultura e della società. Le sue idee si sono diffuse in molte discipline, influenzando profondamente diversi settori.

Arte e Design

Il Bauhaus ha avuto un impatto duraturo sull’arte e sul design. I suoi principi di semplicità, funzionalità e bellezza sono diventati pilastri del design moderno.

Le opere d’arte create dai membri del Bauhaus esploravano nuove forme, colori e materiali, rompendo con le tradizioni del passato.

Architettura

L’architettura è forse il campo in cui il Bauhaus ha lasciato il segno più profondo. Gli edifici progettati dai suoi esponenti sono caratterizzati da linee pulite, spazi aperti e un uso innovativo dei materiali. Il concetto di “form follows function” (la forma segue la funzione) è diventato un principio fondamentale dell’architettura moderna. Scopri qui gli iconici architetti del Bauhaus.

Artigianato e Arredamento

Il Bauhaus ha cercato di abbattere le barriere tra arte e artigianato. Gli studenti erano incoraggiati a sperimentare con vari materiali e tecniche per creare oggetti d’uso quotidiano che fossero sia funzionali che estetici. L’arredamento del Bauhaus, con i suoi design eleganti e innovativi, continua a essere un’ispirazione per i designer di oggi.

Ha influenzato anche il panorama teatrale e musicale

Il teatro e la performance erano anche parte integrante del Bauhaus. Artisti come Oskar Schlemmer hanno esplorato nuove forme di espressione teatrale, creando spettacoli che combinavano danza, musica e arte visiva.

Una delle curiosità meno conosciute è l’influenza del Bauhaus sulla musica. Hannes Meyer, uno dei direttori della scuola, ha introdotto corsi di musica per esplorare il rapporto tra suono e spazio. Questo ha portato a esperimenti interessanti e innovativi nel campo dell’arte sonora.

Gli Esponenti Principali del Bauhaus

Chi sono le menti brillanti dietro questo movimento rivoluzionario? Il Bauhaus ha attirato alcuni dei più grandi artisti e pensatori del XX secolo. Tra questi, oltre a Walter Gropius, ci sono László Moholy-Nagy, Paul Klee, Wassily Kandinsky, Marcel Breuer e Ludwig Mies van der Rohe.

Walter Gropius: Il Fondatore Visionario

Walter Gropius, nato nel 1883 a Berlino, è stato il fondatore del Bauhaus e uno dei più influenti architetti del XX secolo. Gropius aveva una visione chiara: unire tutte le forme d’arte sotto un unico tetto, creando opere che fossero funzionali e belle. Dopo aver studiato architettura, ha lavorato con Peter Behrens, un pioniere del modernismo, prima di fondare il Bauhaus nel 1919.

Bauhaus sede di Dessau

Uno dei suoi lavori più celebri è il Bauhaus Building a Dessau, completato nel 1926. Questo edificio è un’icona del design moderno, con le sue linee pulite, l’uso di vetro e acciaio, e la sua disposizione funzionale degli spazi. Gropius ha continuato a influenzare l’architettura moderna anche dopo la chiusura del Bauhaus, diventando direttore della School of Architecture presso la Harvard University.

László Moholy-Nagy: Il Maestro della Luce

László Moholy-Nagy, nato in Ungheria nel 1895, è stato uno dei pionieri nell’uso della luce e della fotografia come mezzi espressivi. La sua idea era che la luce potesse essere utilizzata come materiale artistico, rivoluzionando così il concetto di arte visiva. Ha insegnato al Bauhaus dal 1923 al 1928, portando avanti sperimentazioni innovative nel campo della fotografia e del design.

light space modulare bauhaus

Tra le sue opere più famose c’è il “Light-Space Modulator”, un dispositivo cinetico che esplora il movimento e la luce. Questo lavoro, completato nel 1930, è considerato uno dei primi esempi di arte cinetica e continua a essere un’ispirazione per gli artisti contemporanei.

Paul Klee e Wassily Kandinsky: La Magia dei Colori e delle Forme

Paul Klee

Paul Klee, nato in Svizzera nel 1879, è stato un pittore la cui arte combina elementi di surrealismo, espressionismo e astrattismo. Klee ha insegnato al Bauhaus dal 1921 al 1931, influenzando profondamente la sua filosofia e il suo curriculum.

Macchina cinguettante Moma opera

Tra le sue opere più celebri c’è “Twittering Machine” (1922), un’opera che mescola il fantastico con l’astratto, creando un mondo di forme e colori che sembra prendere vita. La sua arte è conosciuta per la sua complessità e profondità emotiva. Lo trovi al MoMA.

Wassily Kandinsky

Wassily Kandinsky, nato in Russia nel 1866, è stato un pioniere dell’arte astratta. Ha insegnato al Bauhaus dal 1922 al 1933, portando con sé la sua visione dell’arte come espressione spirituale

Sedia Wassilly bauhaus 3

La Sedia Wassily, progettata nel 1925, è un esempio perfetto di come il Bauhaus abbia unito forma e funzione. Realizzata in tubolare di acciaio, la sedia è leggera, elegante e funzionale. È stata una delle prime sedie a utilizzare questo materiale, aprendo la strada a un nuovo modo di concepire il mobilio.

Scopri qui le iconiche sedie del Bauhaus.

Ludwig Mies van der Rohe

Ludwig Mies van der Rohe, nato in Germania nel 1886, è stato uno degli architetti più influenti del XX secolo. Ha diretto il Bauhaus dal 1930 fino alla sua chiusura nel 1933. Mies è noto per il suo approccio minimalista e il suo motto “Less is more”.

Schermata 2024 06 27 alle 16.45.24

Il Padiglione Barcellona, costruito per l’Esposizione Internazionale di Barcellona del 1929, è un capolavoro di semplicità e raffinatezza. Le linee pulite, i materiali pregiati e l’uso sapiente dello spazio hanno fatto di questo edificio un’icona dell’architettura moderna.

Curiosità Interessanti sul Bauhaus

Sapevi che il Bauhaus ha avuto tre diverse sedi durante la sua esistenza? Inizialmente a Weimar (1919-1925), poi a Dessau (1925-1932) e infine a Berlino (1932-1933). Ogni spostamento è stato causato da pressioni politiche e sociali, ma ogni nuova sede ha portato con sé un’ondata di innovazione e cambiamento.

Il Bauhaus e la Musica: Un Connubio Inaspettato

Una delle curiosità meno conosciute è l’influenza del Bauhaus sulla musica. Hannes Meyer, uno dei direttori della scuola, ha introdotto corsi di musica per esplorare il rapporto tra suono e spazio. Questo ha portato a esperimenti interessanti e innovativi nel campo dell’arte sonora.

Le Donne del Bauhaus: Pioniere in un Mondo Dominato dagli Uomini

telaio di Gunta Stolz nel bauhaus
Scopri qui la rivoluzione del telaio

Sebbene il Bauhaus sia spesso associato a figure maschili, molte donne hanno giocato un ruolo cruciale. Gunta Stölzl, per esempio, è stata una delle prime donne a dirigere un dipartimento al Bauhaus, quello della tessitura. Le sue opere hanno dimostrato che l’arte tessile poteva essere tanto innovativa quanto qualsiasi altra forma d’arte.

L’Eredità del Bauhaus

Che cosa ha lasciato il Bauhaus al mondo moderno? L’influenza del Bauhaus si estende ben oltre la sua esistenza fisica. I principi del design funzionale, dell’integrazione tra arte e tecnologia, e dell’innovazione continua sono ancora oggi fondamentali nel campo del design e dell’architettura.

Il Bauhaus Oggi: Dove Troviamo la Sua Influenza?

Schermata 2024 06 27 alle 17.28.41

Oggi, l’eredità del Bauhaus è visibile ovunque, dalle linee pulite degli edifici moderni ai gadget tecnologici che usiamo ogni giorno. Le scuole di design di tutto il mondo continuano a insegnare i principi del Bauhaus, mantenendo vivo lo spirito di innovazione e sperimentazione.

“Non seguire i sentieri battuti, crea nuovi percorsi” – Paul Klee

Conclusione

Il Bauhaus non è solo un capitolo della storia dell’arte; è una fonte inesauribile di ispirazione che continua a influenzare e a plasmare il nostro mondo. Ogni volta che ammiriamo un edificio moderno, utilizziamo un oggetto di design elegante o ci perdiamo nei colori e nelle forme di un’opera d’arte astratta, stiamo vivendo l’eredità del Bauhaus.

Hai mai pensato a quanto il Bauhaus abbia influenzato la tua vita quotidiana? La prossima volta che ti trovi di fronte a un’opera di design, ricordati di guardarla con gli occhi di un pioniere del Bauhaus, e chissà, potresti scoprire nuove prospettive e ispirazioni.

“La creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze.” – Erich Fromm

Il Bauhaus continua a essere un faro di creatività e innovazione, invitandoci tutti a vedere il mondo con occhi nuovi e a esplorare l’infinito potenziale della mente umana.

Gloria Gargano – founder Glamcasamagazine.it

signature

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Fino al 31 agosto 2024 Open-end di Marlene Dumas al Palazzo Grassi, Venezia
Storia del Bauhaus: scopri le caratteristiche, esponenti e opere famose

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.