5 modi pratici per organizzare la raccolta differenziata

La raccolta differenziata va assolutamente fatta e le motivazioni sono moltissime. Il problema è però spesso quello organizzativo: dove metto le pattumiere, quali scelgo, ne esistono di salva-spazio o di design? Queste sono le domande che ci si pone più di sovente e in questa guida vi daremo tutte le risposte. Scopriamo come organizzare la pattumiera differenziata con 5 metodi infallibili anche per spazi ridotti. E diamo un’occhiata ai modelli più belli e utili da avere in casa.

Perché fare la raccolta differenziata?

La raccolta differenziata in Italia è obbligatoria dal 2003, ma in realtà se ne parlava già negli anni ’90. Purtroppo questa sensibilità e abitudine stenta ad entrare appieno nel quotidiano di molte persone ma è indispensabile per la nostra salute e per l’ambiente. Non è infatti solo una questione green, ma etica e lungimirante, farla non costa nulla ed è pure divertente. Ecco perché vale la pena fare la raccolta differenziata:

  • preserva la salute di tutti evitando la creazione di discariche pericolose a cielo aperto;
  • si evita il degrado ambientale dovuto alle discariche a cielo aperto che intaccano anche con scorie tossiche terreni, colture, flora e fauna spontanea e l’uomo; 
  • si risparmia a livello idrico, in elettricità e nel consumo e produzione delle materie prime a livello globale e territoriale;
  • è gratis e non si perde tempo nel farla;
  • permette di tenere la casa più pulita e in ordine;
  • responsabilizza tutti, anche i più piccoli;
  • può diventare un gioco di imitazione per i bambini.

Quale pattumiera scegliere per la differenziata

Molto spesso si è frenati dal possibile ingombro della pattumiera per la differenziata. Oggi però è un problema ampiamente risolto grazie ai modelli disponibili sul mercato. L’arredo moderno e l’interior design in generale punta molto, e da anni, su accessori utili, salva-spazio, capaci di rendere gli ambienti pratici e fruibili. Molti sono i brand che spiccano per le loro creazioni come Brabantia, brand leader nel settore delle pattumiere per differenziata e non.  

Quale pattumiera scegliere? Basterà tenere conto dello spazio a disposizione, prediligere porta rifiuti funzionali e facili da pulire. E perché no, seguire i nostri 5 metodi pratici per organizzare la pattumiera e posizionarla indoor o all’esterno senza stress.

Il consiglio anti-odorante della nonna

Un altro problema è il cattivo odore che può sprigionarsi dai rifiuti. Esistono molti stratagemmi ma questo della nonna è particolarmente utile. Basterà porre sul fondo della pattumiera per la differenziata un cucchiaio di bicarbonato di sodio. Questo assorbirà i cattivi odori e non li sprigionerà nell’ambiente. Va gettato e cambiato dopo 3-4 settimane, è low-cost e pure eco-friendly perché del tutto naturale e per nulla nocivo. In generale per evitare il proliferare di cattivi odori della pattumiera è indispensabile:

  • effettuare la raccolta differenziata con cura;
  • gettare i rifiuti tempestivamente rispettando gli orari e i giorni di raccolta;
  • lavare latta e vetro prima di gettarli;
  • utilizzare sacchetti specifici per la raccolta differenziata;
  • tenere il secchiello della raccolta vicino alla finestra, in zona aerata o all’esterno dell’abitazione;
  • lavare regolarmente le pattumiere.

Come organizzare le pattumiere con 5 modi pratici

Sfrutta i cassetti o il sotto-lavello in cucina

Sistema la pattumiera sotto il lavello o in uno dei cassetti della cucina. I mobili moderni sono già predisposti per apporre l’immondizia e hanno dimensioni adeguate abbinabili ai più comuni contenitori.

Il modello ideale 

Sicuramente la pattumiera ad incasso di Brabantia; si aggancia alle ante o a supporti vari. E´ resistente e possono starci anche due pattumiere capienti per la differenziata. Il brand propone addirittura un mini cestino da tavolo per la differenziata, perfetto per i rifiuti organici e per il piano della cucina. Ha un design moderno, discreto e lo si può riutilizzare anche come porta-tutto. Esistono poi pattumiere ad hoc con diversi scomparti perfette da nascondere nei vari cassetti o ante della cucina moderna o più datata. 

Utilizza una scarpiera 

I cestini dei rifiuti, uno per categoria, possono trovare spazio all’interno di una vecchia scarpiera. Sono molti gli italiani che l’hanno convertita in mobile per la differenziata e spesso occupa pochissimo spazio e la si può lasciare anche sul balcone o terrazzo. 

Il modello ideale

E´ compatto, in plastica resistente, lavabile e con apertura a scelta, oppure senza coperchio. In questo caso la scarpiera dovrà potersi richiudere per evitare la fuoriuscita dei cattivi odori. 

Sfrutta il balcone o il terrazzo

Sicuramente la pattumiera per la differenziata sarà meglio posizionarla all’esterno, specie quella per i rifiuti umidi o la plastica. Non serve avere tanto spazio perché si possono sfruttare le altezze, come per le coltivazioni verticali con strutture in pallet o a graticci. Ci sono poi cestini salva-spazio di ultima generazione anche con comodo pedale o slim per la toilette. In alternativa si possono sistemare all’esterno del davanzale ma opportunamente agganciate e assicurate. 

Il modello ideale

E´ quello già citato di Brabantia ad incasso, oppure quello da tavolo, ideale specialmente per i single. Funzionali e belle da vedere anche le pattumiere per differenziata con pedale o classiche e slim per la toilette.

Crea con il fai da te

Creare un mobile specifico per i raccoglitori dei rifiuti è senza dubbio un’ottima idea. Basterà sfruttare una vecchia madia o una credenza retrò e inserirvi le pattumiere preferita.

Il modello ideale

Qualsiasi purché sia funzionale.

I consigli dell’interior designer

Gli interior designer suggeriscono di sfruttare anche pattumiere salva-spazio e di design come quelle di Brabantia. Sono belle da vedere, si usano in cucina, nel disimpegno, nello sgabuzzino o all’esterno, sono discrete e si puliscono velocemente. Per schermare ulteriormente l’angolo rifiuti si possono utilizzare le piante e i fiori e in cucina le aromatiche aiuteranno ad evitare i cattivi odori. 

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Iscriviti per ricevere i nostri aggiornamenti!

Previous
PANTONE 2021: annunciato il colore, anzi i colori del prossimo anno
5 modi pratici per organizzare la raccolta differenziata

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.