5 libri da leggere in inverno (con moodboard ambienti)

La stagione più fredda dell’anno è quasi arrivata ed è il momento di prepararsi ad accoglierla nel migliore dei modi. I must have da avere assolutamente per affrontare l’inverno? Una comoda poltrona o un divano accogliente, una coperta calda e i nostri libri preferiti. Ecco una lista di 5 libri da leggere in inverno con 5 moodboard per un soggiorno da sogno perfetto per ogni lettore!

Sfatiamo subito un mito prima d’iniziare. Per quanto sia suggestivo leggere un libro sotto le coperte al caldo mentre fuori una pioggia leggera picchietta sui vetri, io mal sopporto l’inverno. Ho costantemente freddo e i piedi gelati nonostante m’imbottisca di vestiti dalla testa ai piedi. I mesi freddi per me sono un’agonia, e l’unica cosa che riesce a consolarmi è quel magico momento in cui mi avvolgo in una morbida coperta in compagnia di una cioccolata calda e il mio libro preferito. In estate porto sempre un libro con me per una lettura all’aria aperta, che sia al mare, al riparo dal sole sotto un albero, o in un parco. In inverno diventa più complicato ma di certo è molto più suggestivo leggere mentre la notte si fa profonda. La sera, dopo una lunga giornata di lavoro, per rilassarmi preparo una tisana e leggo finché gli occhi non si chiudono.

libri leggere inverno

Leggere è la mia passione e cerco sempre di creare un’atmosfera perfetta, e l’inverno di certo facilita le cose. Leggo praticamente ovunque, ma il soggiorno di casa è uno dei miei posti preferiti perché lì ho tutto ciò che desidero: un divanetto, la mia coperta morbida e la libreria che ormai straborda ma che io, impavidamente, continuo a riempire di libri su libri.

Perché scegliere il soggiorno per leggere i propri libri

Se siete alla ricerca d’idee su come creare angoli lettura in ogni ambiente della casa uno degli ambienti da tenere sicuramente presente è il soggiorno, e i motivi sono tanti. Questo ambiente è uno dei più spaziosi della casa in cui potete giocare con i diversi arredi. In un soggiorno c’è più spazio per una libreria grande e potete creare un angolo confortevole senza stravolgere troppo gli arredi preesistenti. Per un angolo lettura in soggiorno avrete bisogno di una comoda seduta.

Io preferisco un divano perché così posso addormentarmi senza temere di avere il torcicollo tutto il giorno, ma anche una poltrona è perfetta. Molti lettori preferiscono leggere proprio in poltrona. Un tavolino è indispensabile ed è perfetto per poggiarvi la lettura del momento, ma anche qualche stuzzichino e una bibita. Io spesso mangio pizza e leggo, o faccio un aperitivo con qualche saggio, il mio genere preferito, oppure accompagno a una lettura più impegnata un calice di vino. Fate attenzione all’illuminazione per non sforzare gli occhi. Ho da poco acquistato una lampada da terra che ho collocato dietro al divano. La desideravo da tempo perché è pratica e dà un tocco stiloso al mio angolo lettura.

Siete curiosi di scoprire i 5 libri da leggere in inverno che ho scelto per voi? Per ogni libro ho creato una moodboard con un tipo di soggiorno ideale e qualche arredo per renderlo irresistibile ma anche pratico e perfetto per ogni lettore. E se preferite le serie TV, allora non perdetevi la mia ultima guida su arredare casa come Carrie Bradshaw in Sex and the City.

5 libri da leggere in inverno

La scelta non è stata semplicissima. Ragionando sulle ultime letture, ho scelto 5 libri diversi tra loro ma che mi hanno lasciato qualcosa. I generi letterari variano, trovate saggi ma anche letture più scorrevoli. Sono tutti libri interessanti e molto stimolanti che volevo condividere con voi. Ogni libro è stato inserito in una moodboard che mostra come arredare un soggiorno per venir incontro alle esigenze di tutti i lettori. Anche gli stili d’arredo sono differenti e molto versatili. Ho pensato a qualcosa di creativo, colorato, e super originale. Inoltre Sapevate che i libri possono anche arredare? In Coffee table book: i libri decorativi “must have” trovate tutto quello che c’è da sapere!

Ecco la mia top 5 con moodboard incluse!

Denti bianchi di Zadie Smith

libri leggere inverno
Denti bianchi di Zadie Smith

Zadie Smith è una delle mie scrittrici preferite ed è una donna brillante e piena di talento. Ha scritto diversi libri, spaziando tra molto generi, dal romanzo ai racconti e ai saggi. La preferisco in assoluto come saggista perché credo abbia un occhio molto critico e riesce attraverso la sua prosa meticolosa e chiara ad analizzare la società e gli avvenimenti in generale in modo lucido ma mai asettico. Mette qualcosa di sé senza risultare invadente ma stimola una sorta di dialogo interiore, ti aiuta a riflettere e a interrogarti sulle cose. E credo che questa sia una grande dote per chi nella vita ha scelto di scrivere.

Il libro che vi segnalo però non è un saggio, ma un romanzo. Denti Bianchi è stato il suo libro d’esordio, un vero e proprio caso letterario mondiale. Aveva 25 anni quando è stato pubblicato questo libro. In questo libro troverete diversi personaggi di razza, religione ed età differenti. Il romanzo ruota attorno al continuo scontro culturale e generazionale di una Londra cosmopolita e multietnica, il tutto scritto con la sua adorabile ironia e in modo minuzioso. Credo sia un libro più che attuale perché è un romanzo sociale che parla d’integrazione ma anche attaccamento a certe convenzioni.

Soggiorno e arredi scelti per la moodboard

Parlando di Zadie Smith è impossibile non pensare a un arredo colorato e contemporaneo. Oltre a essere una talentuosa scrittrice è una donna bellissima e stilosa. Un soggiorno in stile boho chic, senza dubbio, con pochi arredi ma dalle linee morbide e colori caldi. Il divano che vedete fa parte della collezione di Maisons du Monde, il design è vintage, l’arancione intenso avvolge le forme ed esalta la comoda seduta. Al centro dell’angolo lettura, invece del solito tavolino, ho abbinato un pouf morbido, in stile boho chic, sempre del catalogo Maisons du Monde. Il fondo è un carico giallo senape, il velluto rende il pouf un arredo non solo pratico ma di tendenza. Oltre ai colori caldi che vanno dal giallo al rosso mattone, potete aggiungere delle nuance più fredde ed eleganti per creare un contrasto di colori sofisticato, puntano su sfumature di blu.

Donne difficili. Storia del femminismo in 11 battaglie di Helen Lewis

libri leggere inverno

Donne Difficili” è un libro che tutte e tutti dovremmo leggere scritto dalla giornalista britannica Helen Lewis. In un periodo in cui tutti ne parlano ed è diventato uno dei temi più discussi dei nostri tempi, abbiamo di certo bisogno di un’analisi più approfondita attraverso una ricostruzione dettagliata della storia del femminismo. Un libro che racconta le vicende di 11 donne che non si sono mai piegate a compromessi e senza intaccare nel solito moralismo spesso abusato in questo tipo di narrazione. Consiglio questo libro perché abbiamo bisogno di leggere una storia del femminismo onesta e non polarizzata. Il libro parla di donne che spesso hanno lottato con sé stesse, mentre lottavano per ottenere pari diritti. Helen Lewis ribatte che è arrivato davvero il momento di rileggere e narrare la storia del femminismo come una storia di donne difficili mostrando le loro battaglie.

Credo che il bello di questo libro è che l’autrice non sta cercando di riconfezionare le protagoniste come eroine o ribelli o ragazze toste. Il suo punto è che le donne pionieristiche hanno tante sfaccettature e tendono a essere una spina nel fianco. Possono essere meschine, difensive, contraddittore, decisamente riprovevoli, ma questo non annulla i loro successi. E infatti nella sua introduzione contrappone questa idea di donne pioniere “difficili” al femminismo contemporaneo che, visto attraverso la lente riduttiva dei social media, spesso richiede che le femministe, passate e presenti, siano moralmente rette, coerenti e sorelle. Lo trovo interessante perché spesso non teniamo conto del fatto che le persone hanno dei difetti, e questi difetti possono aiutarle per raggiungere successi, non siamo mica perfetti.

Soggiorno e arredi scelti per la moodboard

Passiamo al lato arredamento. Qui mi sono divertita molto a scegliere i colori ispirata anche dalla copertina che prevede una prevalenza di colori viola, glicine e rosa. L’effetto ottenuto non è bon ton come di solito queste nuance, nella versione pastello, aspirano, ma è molto più grintoso e moderno. Una palette cromatica che trovo perfetta visto il tema affrontato. A queste tonalità possiamo abbinare anche colori più freddi come il blu elettrico, elegante e dal fascino senza tempo. Per quanto riguarda gli arredi ho scelto un comodino dall’estetica contemporanea e dalla tonalità bluette, un coloro davvero di tendenza nelle ultime stagioni. Lo trovate nel catalogo Maisons du Monde. Non dimenticate di decorare le pareti con stampe dalle cornici color legno e con stampe su canvas, come questo meraviglioso poster con una riproduzione di un quadro di Vincent van Gogh. Trovate questa proposta su Desenio.

Lezioni di meraviglia di Andrea Colamedici e Maura Gancitano

Andrea Colamedici e Maura Gancitano sono una coppia molto affiatata sia sul lavoro che nella vita privata. Sono 2 scrittori e filosofi che hanno fondato un progetto culturale, poi casa editrice dai titoli davvero interessanti, TLON. Hanno scritto diverse opere, tra queste “Lezioni di meraviglia” ha subito suscitato la mia curiosità.

Come in ogni testo scritto a quattro mani dai 2 scrittori, anche in questo libro la filosofia viene utilizzata per capire meglio il mondo, quello che accade intorno a noi e che quindi ci riguarda. La filosofia non deve essere concepita come un qualcosa per estraniarsi, come potremmo pensare, per sfuggire dalla realtà, ma per affrontarla e soprattutto viverla. Dobbiamo vederla come un mezzo per affrontare ciò che sembra inaffrontabile. La filosofia nasce dal ‘thauma’, cioè dal terrore, dallo scoramento, dall’apertura nei confronti dell’ignoto. Consiglio questo manuale narrativo a chi vuole applicare la filosofia ogni giorno nella propria vita per recuperare il vero segreto dell’esistenza, ossia l’arte di saper meravigliarsi ancora.

Soggiorno e arredi scelti per la moodboard

Per quanto questi argomenti possono sembrarci così profondi, io credo che bisogna prenderli con un pizzico di leggerezza, che non significa superficialità, ovviamente, come diceva il grande Italo Calvino, aggiungendo che per leggerezza si intende “planare sulle cose dall’alto, non avere macigni sul cuore”. Ecco perché ho immaginato un soggiorno arredato con brio e leggerezza appunto, ricorrendo a colori allegri e attingendo a piene mani da palette nei toni pastello. Decorare le pareti con forme geometriche colorate, un mix di figure che si mescolano tra loro creando un motivo surreale e originale. Per un’illuminazione funzionale ma stilosa ho scelto delle lampade a sospensione dallo stile contemporaneo e tonalità di tendenza che trovate su Amazon, mentre per la seduta ho preferito una comoda poltrona dal giallo vivace firmata SKLUM. Non dimenticate di aggiungere il vostro personale tocco green con piante e fiori profumati.

La vasca del fuhrer di Serena Dandini

Non lasciatevi ingannare dal nome perché questo libro racconta una storia incredibile di una donna che sembra aver vissuto mille vite. E cosa c’entra la vasca del fuhrer, direte voi? Ora ci arriviamo.

La vasca del fuhrer” è un libro di Serena Dandini che ho scoperto per caso. Mesi fai mi sono imbattuta in una foto di una giovane donna molto bella immersa in una vasca. Davanti a lei vi erano poggiati degli anfibi impolverati. La foto mi ha incuriosita e ho indagato sulla storia di questo ambiguo scatto. Ho scoperto che la ragazza della foto si chiamava Lee Miller ed era una fotoreporter di guerra. O meglio, nel periodo in cui fu scattata quella foto lo era. La vasca in cui era immersa era quella di Adolf Hitler. Siamo alla fine della seconda guerra mondiale, Hitler era morto e Lee Miller e il fotografo che le ha scattato questa foto, David Sherman, sono proprio nel suo appartamento. Così comincia il libro di Serena Dandini che ha voluto ripercorrere la vita di Lee Miller dall’infanzia fino alla sua morte.

Una donna che è stata prima musa e poi artista, tra l’altro surrealista, che ha saputo andare e vedere oltre il suo tempo. Modella, musa, poi fotografa di moda e corrispondente di guerra, sembrava passare con grazia da una versione all’altra di sé stessa senza scomporsi mai. Consiglio questo libro a chiunque voglia leggere una storia fuori dal comune e che, credetemi, vi resterà impressa nel cuore e nella mente per sempre.

Soggiorno e arredi scelti per la moodboard

In questa moodboard ho voluto mixare diverse tendenze per creare qualcosa di originale e diverso dal solito. Mi sono ispirata a Lee Miller, una vera trasformista che ha saputo far emergere ogni lato di sé senza mai averne paura. Ed è per questo che ho immaginato un soggiorno eclettico, con accenni di colore qua e là, nei punti giusti, e ho osato con texture e geometrie, ma senza esagerare. L’equilibrio tra le forme deve essere sempre rispettato quando si opta per uno stile contemporaneo. La prima cosa che ho scelto è stato questo tavolino basso in metallo dal giallo accesso. Una nota di colore vivace che non passa inosservata soprattutto in un ambiente dalle linee essenziali. Trovate il modello nel catalogo SKLUM. Il secondo pezzo d’arredo, invece, è un comodo divano in tessuto firmato IKEA dal color grigio perla, una tonalità neutra che farà da collante tra i diversi arredi.

La giornata d’uno scrutatore di Italo Calvino

Italo Calvino è stato uno dei miei primi amori. I primi libri che ho letto erano i suoi. Ho imparato a conoscerlo a scuola, approfondito al liceo e all’università. Ha il potere di trattare temi profondi ma di farlo con leggerezza e semplicità senza mai cadere nel banale o nella retorica più spicciola. Calvino nasce neorealista raccontando la realtà in modo lucido e coniugando l’impegno politico con la spontaneità della parola e del racconto. Passa poi a una narrazione favolistica, famosissime sono le sue fiabe. La sua produzione è infatti allegorico-simbolica. Infine troviamo il periodo combinatorio, un nuovo modo di scrivere in auge negli anni ’60 inteso come artificio mostrando ai lettori la struttura stessa della narrazione.

La giornata d’uno scrutatore” è considerato come un libro di mezzo nell’ intera opera di Calvino. Contiene tematiche appartenenti a diverse fasi. Impiegò ben 10 anni a completare questo romanzo breve e infatti fu pubblicato nel 1963. Nell’opera emergono tutti i sintomi di una crisi su diversi fronti, uno dei quali è quello dell’impegno politico dell’autore. Viene infatti considerato una sorta di libro autobiografico. L’attività di scrutatore in un seggio elettorale diventa per il protagonista, Amerigo Ormea, l’occasione per meditare su sé stesso e sulla follia del mondo. Il racconto si svolge tutto in una sola giornata. Amerigo ha davanti a sé una schiera di votanti che sono tutti individui con gravi deformità che lo colpiscono molto e lo inducono a una serie di riflessioni e pensieri per lui completamente nuovi. Consiglio questo libro a tutti coloro che non vogliono smettere di guardarsi dentro e riflettere sul mondo.

Soggiorno e arredi scelti per la moodboard

Sarà che Italo Calvino e la sua narrazione evocano in me un senso di serenità e placida calma ma ho voluto creare una moodboard con un soggiorno in stile vintage per regalare ai lettori un’atmosfera rassicurante. L’angolo lettura sembra essere collocato fuori dal tempo. Accanto alla poltrona vintage in velluto troviamo un telefono fisso vintage con tanto di rotella girevole per comporre i numeri. Un oggetto che suscita tanti ricordi e che ormai somiglia più a un accessorio fantascientifico. Per gli arredi non poteva mancare la classica poltrona foderata in velluto con comoda seduta e ampio schienale, la trovate nel catalogo Maisons du Monde. Un altro pezzo che ho voluto proporvi e che acquisterò prossimamente è quest’adorabile applique da parete con braccio, quindi facile da orientare, ma anche molto glam che potete trovare su Amazon.

Che ne pensate di questi libri? Lasciateci un commento e continuate a seguirci per altre guide!

Mariagrazia Repola

Cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Comments Yet.

Previous
Coffee table book: i libri decorativi “must have”
5 libri da leggere in inverno (con moodboard ambienti)

Su questo sito utilizziamo strumenti di prime o terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire il corretto funzionamento del sito (cookie tecnici), per generare report sull’utilizzo della navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un’esperienza migliore.